Notizie Basilicata

Al Museo Antiche Genti di Vaglio: "Essere Leonardo Da Vinci"

Basilicatanet - Sab, 21/10/2017 - 18:29
In anteprima al Museo delle Antiche Genti di Vaglio lunedì 23 ottobre alle 19:  “Essere Leonardo Da Vinci” La vera storia di Leonardo a teatro. Per scoprire il pittore, lo scienziato, l’inventore. Lo rende noto il sindaco del Comune di Vaglio  Giancarlo Tamburrino. L'evento è organizzato con la collaborazione della Provincia di Potenza.
"I suoi segreti, il metodo di lavoro, le sue passioni, i consigli di una vita. Regista e attore Massimiliano Finazzer Flory L’intervista impossibile” viene condotta da Gianni Quillico. Lo spettacolo che sarà in tour mondiale fino al 2019 è stato già rappresentato con grande successo di pubblico e di critica in America a New York alla Morgan Library, a Washington al Kennedy Center, a San Francisco all’American Conservatory Theater, a Houston, Miami e Chicago. In Giappone a Tokyo, a Osaka, al Teatro No di Fukuoka, a Sapporo e Nagoya. In Russia a Mosca al Teatro Na Strastnom e al Teatro dell’Ermitage di San Pietroburgo. In Italia è stato messo in scena alla Fenice di Venezia, al Teatro Regio di Parma, presso la Biblioteca Reale di Torino, alla Sagrestia del Bramante a Milano, alla Biblioteca Angelica a Roma e a Vinci presso il teatro di Vinci. In Francia al Petit Palais, Musée des Beaux - Arts de la Ville de Paris e a Clos Lucé presso la dimora di Leonardo, al CERN a Ginevra presso il The Globe. In Kazakistan ad Almaty e Astana presso il teatro Gorky. "Essere Leonardo da Vinci” è uno spettacolo che mette in scena la vera vita del genio italiano attraverso il teatro con la storia dell’arte e la scienza. Attraverso il format dell’intervista impossibile, Massimiliano Finazzer Flory diventa Leonardo ‘fisicamente’ indossando costumi d’epoca, con un trucco che è una vera e propria ricostruzione del volto del genio di da Vinci; recita in lingua rinascimentale su testi originali dello stesso Leonardo fra cui il celebre Trattato della pittura. Nell’intervista impossibile, Leonardo in 70 minuti risponde a domande sulla natura, sull’evoluzione della vita, sul suo pensiero umanistico e scientifico, sull’astronomia, sul rapporto tra pittura e scienza. Ci parla di anatomia, di psicologia e di fisica, della sua passione per il volo. Commenta il Cenacolo e mima come in una danza le figure degli apostoli, accenna al suo rapporto con la religione, affronta il tema dell’acqua, allude alla moda del suo tempo, risponde agli attacchi dei nemici, spiega i moti dell’animo e, infine, dispensa sentenze e aforismi per vivere il nostro tempo".
Categorie: Notizie Basilicata

Capri: Relazione del Presidente, Francesco D’Alema

Basilicatanews - Sab, 21/10/2017 - 17:59
  Quest’anno ho l’onore di presiedere il Comitato Interregionale Mezzogiorno. Un gruppo di giovani imprenditori che per il 32esimo anno si riunisce nella splendida cornice di Capri per condividere, promuovere e raccontare al mondo chi sono e cosa sono capaci di fare gli imprenditori italiani.   
Categorie: Notizie Basilicata

Braia: 60 anni Granarolo a Gioia, latte Basilicata protagonista

Basilicatanet - Sab, 21/10/2017 - 17:47
“Una buona capacità di produzione e di coinvolgimento del tessuto produttivo del territorio anche lucano che conferisce tramite i soci di Basilicata allo stabilimento di Granarolo di Gioia del Colle ben 20 milioni di litri di latte sui 70 milioni di litri di latte prodotto all’anno. Questo il contributo della Basilicata alla unica filiera del latte 100% italiano”.
Lo comunica l’Assessore alle Politiche Agricole e Forestali, Luca Braia.
“L’invito ad essere presenti, oggi, per festeggiare insieme al collega assessore Leonardo Di Gioia i 60 anni del gruppo e i 20 dello stabilimento pugliese sono un attestato di stima per la Basilicata del latte e del percorso di crescita che i nostri produttori hanno intrapreso verso una qualità riconosciuta ed attestata.
Conferire oltre il 30% del latte prodotto in Basilicata a Granarolo ha infatti un grande impatto economico ed occupazionale per il comparto zootecnico lucano ed è sprone per continuare a lavorare nella direzione degli investimenti e della sicurezza e tracciabilità, oltre che dell’assistenza tecnica per il miglioramento genetico sul quale un qualificato apporto viene dato dall’ARA, anche per incrociare sempre di più le esigenze dei consumatori. La Basilicata fornisce il 5,58% di tutto il latte Granarolo. L’azienda è molto attenta oggi anche al biologico, alle innovazioni generate dalla ricerca applicata in cui anche i prodotti funzionali derivati dal latte possono aprire ulteriori scenari di sviluppo e crescita per i nostri produttori. È infatti previsto nelle prossime settimane il lancio sul mercato di un nuovo prodotto con proprietà benefiche, proprio dallo stabilimento di Gioia del Colle.
La relazione con il nostro territorio per il conferimento ai grandi dell’agroalimentare di quanto più prodotto di qualità possibile, di provenienza Basilicata e al giusto prezzo, vede proprio nella nostra scommessa su filiere e sostenibilità un comparto agricolo che si sta organizzando.
Sono oltre 500 le aziende di latte bovino in produzione attualmente in Basilicata e, anche per fornire informazioni corrette rispetto a quelle apparse sulla stampa negli ultimi giorni le consegne dei produttori lucani di latte bovino per la campagna 2015-16, come desunti dal Sistema Informativo Agricolo Nazionale, su base annua, sono pari a 132 milioni di kg.
Non è corretto, pertanto, correlare il dato Ismea relativo al calo del consumo di latte alla non redditività del produrre latte in Basilicata. Una risposta in tal senso è già stata data dalla comunicazione di operatori specializzati tramite Marco Saraceno di Fattorie Donna Giulia. C’è infatti una Basilicata del latte che è invece pronta a ripartire proprio dalla filiera che coinvolgerà  non solo il latte vaccino ma anche bufalino e ovicaprino per provare a costruire un paniere di prodotti lattiero caseari di aziende che dalla produzione alla trasformazione siano 100% lucani e che possano esprimere l’identità di una regione che eccelle proprio per la qualità del latte.
Sono fiducioso che questo sia, allora, il percorso di crescita  organizzativa e commerciale, da cui gli allevatori e i produttori di latte di Basilicata traggano un vantaggio sia economico che operativo.”





























Categorie: Notizie Basilicata

Associazione Le Matine di Pisticci: il 27/10 Bungaro in concerto

Basilicatanet - Sab, 21/10/2017 - 17:08
Bungaro Maredentrolive è l’evento musicale organizzato dall'associazione culturale Le Matine di Pisticci venerdì 27 ottobre in un locale del centro storico. “Bungaro è “un fuorilegge messo a capo di una sommossa sentimentale”, è un cantautore elegante e un artigiano della musica che ama giocare con le note e le parole, autore di un grandissimo numero di canzoni portate al successo dai più importanti artisti italiani come Fiorella Mannoia Ornella Vanoni, Giusy Ferreri, Malika Ayane, Emma Marrone, Marco Mengoni, Chiara Civello, Paola Cortellesi, Neri Marcore', Chiara Galiazzo, Rocco Papaleo, Youssou N’dour, Daniela Mercury, Ana Carolina, Ivan Lins ,Paula Morelembaum, Miùcha Buarque de Holanda, Omar Sosa.
Nel live con Bungaro  (chitarra e voce), suoneranno Antonio de Luise (contrabbasso); Marco Pacassoni (vibrafono, percussioni e batteria); Antonio Fresa (pianoforte).



Categorie: Notizie Basilicata

Uil Fpl: "Bonacaro un esempio di successo dell'emigrazione lucana"

Basilicatanet - Sab, 21/10/2017 - 16:40
La Uil Fpl in una nota sottolinea una  storia di successo sul tema dell'emigrazione giovanile.
"Il fenomeno dell’emigrazione, così come il Rapporto Migrantes 2017 riferisce in crescita dalla Basilicata, insieme a tante storie di giovani in cerca di fortuna che vivono condizioni di precarietà o comunque di lavoro non appagante riserva anche storie di successo.
Come quella del dott. Antonio Bonacaro,  che l’11 ottobre scorso presso la Anglia Ruskin Univesity , ha ottenuto il Postgraduate Certificate Learning and Teaching in Higher Education. Infermiere “mady in Italy”  dopo aver concluso in Italia il dottorato di ricerca in scienze infermieristiche nel 2010, tra i primi in assoluto in tutto il Paese, ha iniziato a ricercare opportunità per impiegare le esperienze maturate in ambito universitario o nell’ambito del servizio sanitario nazionale, per il quale ha continuato a lavorare, presso il 118 dell’ASP di Potenza,  a conclusione del percorso di studi.
Nonostante l’entusiasmo, la forte motivazione e le condizioni decisamente favorevoli (a quell’epoca vi erano solo cinque dottori di ricerca in scienze infermieristiche in tutta Italia) nessuna opportunità gli si è presentata.
La sua esperienza è iniziata grazie al programma Erasmus che gli ha permesso di collaborare in qualità di docente in visita con diverse istituzioni accademiche spagnole. Bonacaro ha persistito nell'intento durante il corso del suo dottorato di ricerca ,quando ha avuto modo di spendere un semestre presso la John Moores University a Liverpool nel Regno Unito. Un’altra esperienza che lo ha decisamente proiettato verso una carriera internazionale è stata quella fatta grazie all’Australian Travel Award for L’Aquila Researchers. Si è trattato di una borsa di studio offerta dal Group of Eight (il gruppo delle otto università più prestigiose dell’Australia) per consentire ai dottori e dottorandi di ricerca dell’università dell’Aquila (presso cui ha svolto il dottorato) di proseguire i loro progetti di ricerca malgrado la chiusura dell’ateneo legata alla drammatica scossa di terremoto del 2009. La borsa gli ha permesso di collaborare in veste di “visiting trainee” con la University of Queensland e quindi di proseguire gli studi nell’ambito della simulazione clinica. Antonio ha sempre espresso il desiderio di offrire un servizio qualificato al proprio Paese ma, con rammarico, l’Italia è  sorda e cieca e, per l’ennesima volta, ha permesso ad un altro cervello di fuggire via. A livello universitario, il nostro Paese, resta chiuso in meccanismi che andrebbero svecchiati e che non permettono a giovani e promettenti ricercatori di mettere a frutto, in maniera naturale, le competenze acquisite.
Nelle università italiane non c’è spazio per i giovani ricercatori che molto spesso, se non emigrano, intrattengono con le Università rapporti di collaborazione su base temporanea mentre, da quello che ho potuto notare e da quello che lo stesso Antonio mi racconta, in particolare nei pasi anglosassoni, la professione infermieristica gode di un ampio riconoscimento sociale frutto di accadimenti storici favorevoli, del contributo di infermieri divenuti personalità illustri e dell’incessante tentativo da parte della professione di fornire risposte adeguate alle mutate esigenze della comunità.
Lo stesso Antonio non rinuncia all’idea, a condizioni lavorative serie, di rientrare in Italia dove potrebbe dare un contributo notevole al mondo accademico.
Nel nostro Paese purtroppo l’infermiere è spesso visto ancora come subalterno, in un sistema medico-centrico, mentre aumentano i carichi di lavoro e di responsabilità a fronte di una maggiore professionalità espressa (grazie ad un più articolato e complesso sistema formativo a livello universitario) e contraddittoriamente di una remunerazione ferma al palo da lungo tempo.
Le  parole del dottor Bonacaro sono più che significative: “Bisognerebbe definire e assicurare capillarmente percorsi certi di progressione di carriera in ambito clinico, manageriale ed universitario con reali possibilità di impiego sul campo della professionalità maturata mediante una programmazione oculata. Acquisire un reale controllo dei corsi di formazione con la possibilità per gli infermieri opportunamente formati di insegnare qualsiasi disciplina parte del piano di studi, un reale controllo dei processi assistenziali e della gestione delle risorse finalizzata al miglioramento costante della qualità delle cure rimettendo al centro delle politiche sanitarie i reali bisogni del cittadino”.
Accade invece che senza concorsi e assunzioni dal 2008, l'assenza di prospettive e di contratti a tempo indeterminato spingono molti professionisti della salute a guardare oltre e  a cogliere le opportunità  che l’estero offre, dove i nostri connazionali sono oltre 2.500. Tanti di loro vorrebbero tornare, ma ad una condizione: "Vogliamo essere valorizzati ". E’ il dato che emerge da uno studio che mette in valore l’esperienza di molti Infermieri connazionali che non hanno trovato il giusto spazio in Italia! Il fenomeno ormai coinvolge molti Infermieri italiani e stando alle stime dell’Ipasvi, la Federazione Nazionale Collegi Infermieri, si è registrato un incremento del 70% negli ultimi tre anni in termini di migrazione. Fino al 2013, infatti, chi decideva di trasferirsi oltremanica o addirittura oltreoceano lo faceva più per scelta che per necessità.
Per queste ragioni la storia di Antonio è piena di significati e carica tanti giovani lucani all’estero con la spinta a cogliere quelle opportunità di successo che da noi sono negate".

Categorie: Notizie Basilicata

Giordano (Ugl) su inaugurazione struttura centro dialisi Tinchi

Basilicatanet - Sab, 21/10/2017 - 16:20
“Una delle tante e svariate prerogative dell’Ugl è quello di accorrere in difesa di chi soffre anche per la difficile situazione in cui versa la sanità nazionale. La segreteria di Matera Ugl, questa volta, invece, vuole mettere in risalto una situazione positiva che, all’interno dell’ASM territoriale di Tinchi di Pisticci già da tempo ha saputo risolvere delle grosse problematiche in tema di dialisi. Le crescenti, e spesso sminuite, esigenze del paziente nefropatico cominciano a trovare risposta nel territorio ionico/materano. Finalmente con l’inaugurazione, oggi ha aperto i battenti il nuovo Centro di emodialisi e dialisi presso l’Ospedale “Angelina Lo Dico” arricchendo così il polo di eccellenza per la sanità materana tanto auspicato dall’Ugl”.
Lo ha dichiarato il segretario provinciale dell’Ugl Matera, Pino Giordano prendendo parte alla manifestazione inaugurale della struttura alla presenza del Presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella, del Direttore ASM Pietro Quinto, dell’On. Cosimo Latronico oltre che delle altre autorità civili, religiose e militari.
Per il segretario, “Il nostro compito è quello di sorvegliare attentamente ciò che succede in campo sanitario nel territorio di nostra competenza. Questa volta è con grande piacere che vogliamo sottoporre all’attenzione di tutti, uno dei tanti casi di buona sanità che si vedono negli ospedali. Sicuramente, fa più notizia un caso di malasanità, ma quando avviene il contrario, ci sembra giusto evidenziarlo: ci riferiamo al centro dialisi del nosocomio di Tinchi che serve non solo Pisticci ma dove, infatti, rappresenterà uno dei servizi più importanti dell’Ospedale, con un bacino di utenza elevato e composto da pazienti provenienti dai Comuni limitrofi. La tecnologia all’avanguardia e gli ampi spazi ben organizzati rendono questo centro un vero vanto per il territorio materano e regionale, che nulla ha da invidiare alle strutture del Nord. Così, i pazienti, che finora ricevevano un’emodialisi standard, da adesso in poi potranno usufruire di trattamenti emodialitici di ultima generazione e ad elevato impatto scientifico. L’Ugl è convinta che insieme a tutto lo staff sanitario, si renderanno possibili ottenere risultati eccellenti ma, se questi sono i lati positivi – prosegue Giordano - non esitiamo, però, a chiedere successivi miglioramenti per la struttura: visti i risultati sulla domanda già crescente in maniera esponenziale, sebbene negli ultimi anni molte siano state le problematiche nel settore di nefrologia e dialisi che il Direttore Generale Dr. Quinto ha dovuto affrontare e superare, oggi possiamo dire che l’impegno e determinazione dell’azienda e del sindacato che ha creduto, hanno avuto una ricompensa, dalla quale ora potranno trarre giovamento tutti i pazienti. Essendo un’iniziativa ad alto impatto socio-economico dislocato su un territorio a vocazione balneare – conclude Giordano -, l’Ugl spera che la finalizzazione restituisca all’emodializzato cronico anche il suo ‘diritto ad essere turista’ in una splendida regione come la Basilicata. In definitiva, grazie a tale progetto, auspichiamo che pazienti provenienti da fuori regione, persino dall’estero, abbiano la possibilità di curarsi e al contempo fare una vacanza, affrontando così anche la patologia in modo più soft. Su tale proposta Ugl per i ‘pazienti turisti’, siamo convinti che i dirigenti aziendali dell’ASM mostreranno molta attenzione e piena disponibilità alla verifica. Dunque, con il nuovo centro, esempio di buona sanità, per l’Ugl si è aggiunto un altro importante tassello per una riorganizzazione e ottimizzazione dei servizi sanitari di nefrologia e dialisi nel territorio materano”.







Categorie: Notizie Basilicata

Confindustria: "Grande partecipazione della Basilicata a Capri"

Basilicatanet - Sab, 21/10/2017 - 16:11
Grazie ai nostri giovani imprenditori che ancora una volta si dimostrano punta avanzata del sistema confederale”: con queste parole il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, ha chiuso i lavori del 32esimo convegno di Capri che quest’anno ha messo al centro il tema dell’internazionalizzazione e della capacità del Paese di attrarre nuovi investimenti, con il titolo “Oltre. L’Italia nel mondo, il modo in Italia”.
Temi sviscerati con i contributi dei massimi rappresentanti istituzionali, degli  imprenditori e di  molti rappresentanti diplomatici. Con gli interventi del ministro degli Affari esteri e della cooperazione internazionale, Angelino Alfano e del ministro per lo Sport, Luca Lotti, il sottosegretario allo Sviluppo economico, Ivan Scalfarotto e del presidente Silvio Berlusconi.
Il convegno centrale di questa mattina è stato aperto dalla relazione del presidente del Gruppo GI Basilicata, Francesco D’Alema, che quest’anno presiede il Comitato Interregionale GI Mezzogiorno organizzatore dell’evento.
Un protagonismo che ha trovato un’ottima risposta da parte della Basilicata che ha preso parte ai lavori della due giorni con forte partecipazione. La regione è stata protagonista grazie agli interventi dell’Autorità di Gestione dei PO Fesr della Regione Basilicata, Antonio Bernardo e del direttore della Fondazione Matera Basilicata 2019, Paolo Verri, nel corso del workshop “Oltre il territorio”. E anche grazie alla folta rappresentanza lucana che ha preso parte al 32esimo convegno di Capri, con oltre 70 presenze.
I ringraziamenti del presidente D’Alema sono andati in particolare alle aziende sponsor che hanno voluto sostenere la manifestazione - Antezza Tipografi, Arcasensa Agostino, Argenta Soa, Calia Italia, Domar, Lokhen, Lucano 1894, Pastai di Matera – garantedone l’ottima riuscita.






Categorie: Notizie Basilicata

Circo La Scaletta: a Matera una mostra dedicata a Josè Ortega

Basilicatanet - Sab, 21/10/2017 - 16:05
Dal 28 ottobre al 28 dicembre la Capitale europea della cultura 2019 dedica al pittore e incisore spagnolo José Ortega la mostra retrospettiva “I colori di Ortega tra Matera e il Cilento”. L’esposizione, allestita presso la galleria Albanese Arte, comprende dipinti, terrecotte, ceramiche e bassorilievi in cartapesta, realizzati tra i Sassi e Bosco, frazione di San Giovanni a Piro (SA), dove l’artista visse per alcuni anni come esule della dittatura franchista. Ortega arrivò a Matera nei primi anni Settanta e fu accolto dai giovani del Circolo “La Scaletta”, che lo ospitarono nelle stanze del primo piano di Palazzo Bronzini, nei Rioni Sassi, dove aveva il suo laboratorio, ancora attuale sede dell’associazione culturale. In questo periodo sperimentò l’utilizzo della cartapesta, il materiale più rappresentativo dell’artigianato artistico locale, con cui realizzò i venti pannelli di “Morte e Nascita degli Innocenti” e “Passarono”. Bassorilievi in cartapesta dipinti a tempera, attualmente esposti nella Casa di Ortega di Matera e nel Museo di Bosco.
Nel Cilento il pittore della Mancha trascorse gli ultimi vent’anni della sua vita, dal 1970 al 1990, alcune opere della vasta produzione cilentana sono custodite nella Casa Museo di Bosco intitolata al grande artista. Le memorie di quegli anni sono racchiuse nel volume “José Ortega nel ricordo di Nicola Cobucci” ( 2017 ), che sarà presentato sabato 28 ottobre alle 18 in occasione dell’inaugurazione della retrospettiva, con la partecipazione dell’autore.
La mostra è organizzata dalla galleria Albanese Arte e dal Circolo La Scaletta in collaborazione con la Casa di Ortega di Matera e la Casa Museo José Ortega di San Giovanni a Piro.
L’iniziativa ha il patrocinio di: Polo Museale regionale della Basilicata, Regione Basilicata, Fondazione Matera - Basilicata 2019, Provincia di Salerno, Comune di Matera e Comune di San Giovanni a Piro.
Categorie: Notizie Basilicata

Sindaca Pisticci su inaugurazione struttura centro dialisi Tinchi

Basilicatanet - Sab, 21/10/2017 - 15:59
Si è tenuta a Tinchi, presso l’Ospedale “Angelina Lo Dico”, la cerimonia di inaugurazione della nuova struttura del centro dialisi, fiore all’occhiello dell’offerta sanitaria del nosocomio e recentemente realizzata dalla ditta Spindial, aggiudicatrice della gara d’appalto e gestore dei servizi esterni per i prossimi nove anni.
Lo sottolinea in una nota l'amministrazione comunale di Pisticci.
Presenti il direttore dell’Azienda Sanitaria di Matera Pietro Quinto, del Sindaco di Pisticci Viviana Verri, del Presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella, dell’Assessore Regionale alle Politiche della Persona Flavia Franconi e del professor Gesualdo Loreto, Presidente nazionale della Società Scientifica Italiana di Nefrologia, nonché Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bari, oltre alle altre autorità civili, religiose e militari, la cittadinanza ha potuto visitare i nuovi locali che ospiteranno i pazienti. Presente anche l’Arcivescovo della Diocesi di Matera-Irsina Mons. Pino Caiazzo che, in apertura di mattinata, ha benedetto la nuova struttura prima del taglio del nastro.
“L’inaugurazione della nuova struttura della dialisi di Tinchi - ha detto la sindaca di Pisticci -  non è un semplice taglio di nastro, ma rappresenta l’avvio di un servizio di eccellenza per il nostro territorio e questo deve essere un motivo d’orgoglio per la comunità pisticcese. I lavori della dialisi sono iniziati lo scorso aprile, in quello che è stato un anno di confronto costante tra Amministrazione Comunale, Azienda Sanitaria di Matera e Spindial, insieme al Comitato di Difesa dell’Ospedale, a cui va il nostro ringraziamento per la tenacia funzione di impulso nei confronti delle istituzioni affinché siano vicine alle esigenze dei pazienti. La nuova struttura rappresenta un polo d’eccellenza per la sanità meridionale e costituirà una vera e propria rivoluzione sia per i pazienti che per gli operatori sanitari. Intanto, proseguono secondo la tabella di marcia i lavori di consolidamento del corpo centrale dell’Ospedale attraverso la demolizione del terzo e quarto livello, un’altra sfida importante per il nostro territorio, visto che vengono eseguiti in costanza di servizi e con tecniche ingegneristiche tra le più moderne. Nelle prossime settimane  ha concluso Verri - porteremo avanti il percorso di dialogo avviato con le istituzioni, al fine di concretizzare risultati importanti con la Regione Basilicata e per discutere del futuro del nostro ospedale, visto che, come ha spiegato il direttore dell’Azienda Sanitaria di Matera Pietro Quinto, è nei piani un consolidamento dei servizi già in essere e un’ulteriore qualificazione del nosocomio attraverso un setting riabilitativo avanzato”.


Categorie: Notizie Basilicata

Tinchi, Pittella su inaugurazione nuovo servizio dialisi

Basilicatanet - Sab, 21/10/2017 - 15:58

“Abbiamo dimostrato qui a Pisticci che un’azione sinergica ha funzionato. Il rapporto di fiducia tra noi e i cittadini ha bisogno di essere irrobustito dalla politica del fare”. 
Lo ha detto questa mattina il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, in occasione della cerimonia di inaugurazione della nuova dialisi, presso l’ospedale distrettuale di Tinchi. La struttura è stata costruita in project financing dall’Ati Spindial Dialpoint.
“Abbiamo mantenuto - ha aggiunto Pittella - la promessa fatta negli anni scorsi ai cittadini e al comitato di ridare nuovo impulso al polo sanitario di Tinchi mediante la costruzione di un centro dialisi di eccellenza”.
La dialisi è stata realizzata mediante la finanza di progetto con un bando che prevedeva la costruzione e successiva gestione per nove anni con risorse a carico del privato, mentre il personale medico e paramedico oltre al coordinamento complessivo dell’attività sanitaria è di competenza Asm.
“Se noi tutti - ha continuato Pittella - provassimo a lavorare concordemente per il bene della Basilicata, faremmo un po’ più il nostro dovere di cittadini attivi di questa regione”.
Poi Pittella è entrato nel vivo della Riforma sanitaria. “Bisogna rendere più qualificante - ha spiegato - la risposta alla domanda di salute. E la riorganizzazione del sistema sanitario in Basilicata e della sua rete ospedaliera serve proprio a questo. Il sistema di prima non reggeva più. Abbiamo deciso di valorizzare per vocazione e per funzione ogni plesso ospedaliero. Policoro, ad esempio, svolge funzione importante di Psa (Pronto soccorso autonomo). L’ospedale di Tinchi ha un’altra funzione. L’uno serve all’altro. Da quando immagini una riforma e fino a quando la realizzi c’è un tempo che passa e si chiama pazienza. Proveremo ad affrontare nel merito le questioni - ha concluso il governatore regionale - ed insieme all’Asm faremo in modo di ridurre le criticità”.
La dialisi ha estensione di oltre seicento metri quadrati per quindici posti letto (elevabili a diciassette) più un posto letto "contumaciale". Realizzati anche locali cucina ed aree esterne con arredamento e macchinari all'avanguardia.
Dopo 9 anni, la gestione passerà in via esclusiva all’Asm, che diverrà proprietaria anche del fabbricato.





 

Categorie: Notizie Basilicata

Coordinamento migranti, Simonetti su lotta al caporalato

Basilicatanet - Sab, 21/10/2017 - 15:49
"Con la firma del decreto governativo che impone l'etichettatura di provenienza di coltivazione del pomodoro sui derivati in vendita si aggiunge un ulteriore tassello al percorso nella lotta al caporalato in agricoltura ed al lavoro nero che nel comparto riguarda in particolare i migranti".  Lo sottolinea Pietro Simonetti coordinatore Politiche Migranti della Regione "La misura adottata  dopo le numerose iniziative dei tavoli nazionali e regionali anticaporalato, tutela anche i consumatori di fronte all'uso massiccio negli ultimi anni di pomodoro cinese spacciato da prodotto italiano da parte dell'industria conserverie e in particolare nella grande distribuzione.
La decisione assunta è positiva. Andrebbe arricchita dalla formazione e diffusione degli elenchi dei fornitori e trasformatori,su base nazionale e regionale, per la piena e completa traccia dei passaggi del prodotto, dei coltivatori e quindi dei lavoratori assunti. Le tecnologie ci sono e vanno utilizzare per combattere il lavoro nero, l'evasione fiscale e la bassa remunerazione dei produttori. Si tratta di un passaggio decisivo  dentro il quadri della lotta all'agro mafia che controlla mercati, caporali e falsificazione dei prodotti alimentari.
La decisione odierna risponde alle sollecitazione della Regione Basilicata e del tavolo di coordinamento anticaporalato.
In questo ambito va rilanciato e attuato pienamente l'uso del bollino etico lucano sui prodotti agroalimentari .
L'aumento delle assunzioni regolari dei lavoratori agricoli in Basilicata negli ultimi tre anni, non ancora accompagnata dalla completa denuncia delle giornate lavorative prestate  e dei contratti, specialmente per i migranti, dimostra che si possono cogliere risultati prima non immaginabili.
Di pari passo il Governo - conclude Simonetti - dovrebbe con urgenza attuare gli altri punti dei protoccolli sottoscritti con le Prefetture di Potenza Matera a partire dalla realizzazione dei nuovi centri di accoglienza stagionali di Palazzo e Scanzano."


Categorie: Notizie Basilicata

Consorzio Acm, (Fim-Fiom-Uil) su confronto delegati indotto Fca

Basilicatanet - Sab, 21/10/2017 - 15:41
"Si è tenuto oggi, al centro sociale di Rionero, l'attivo unitario di Fim Fiom Uilm sulla situazione nelle aziende del consorzio Acm, un primo momento di confronto fra i delegati delle aziende dell'indotto Fca di Melfi utile per raccogliere proposte, segnalazioni e contributi". Lo rendono noto i sindacati  per i quali "la cassa integrazione, che sta riducendo il salario dei lavoratori, richiede urgentemente una revisione del premio erogato dalle aziende per assicurare maggiore salario ai lavoratori, attraverso gli strumenti forniti dalla contrattazione e dalle leggi vigenti. "Occorre inoltre difendere e rilanciare l'occupazione - continuano Fim Fiom Uilm superando la precarietà vissuta dalle centinaia di somministrati che operano nelle aziende.
Il contratto nazionale di lavoro, rinnovato circa un anno fa, è il perimetro entro il quale aprire una discussione con le aziende e con il consorzio Acm: diritti, prospettive, occupazione possono essere rilanciati solo con l'unità e la partecipazione dei lavoratori". Le segreterie e i delegati di Fim Fiom Uilm elaboreranno una proposta da sottoporre alle aziende nei prossimi giorni".

Categorie: Notizie Basilicata

Prentazione libro Isabella Filardi alla Biblioteca Nazionale Pz

Basilicatanet - Sab, 21/10/2017 - 14:46
Martedì 24 ottobre  alle  17.30 nella Sala Convegni della Biblioteca Nazionale di Potenza sarà presentato il libro "Spiragli di vite vissute : emigrazione e smembramento della famiglia patriarcale" di Isabella Filardi.
Il lavoro narra di un tempo e di emozioni a cui la lunga distanza cronologica da quegli eventi ha conferito un alone di miticità : è la ricostruzione della storia di una famiglia che si dipana fra le due sponde dell'Atlantico e del Mediterraneo e che conglomera l'intera comunità di Accettura e quella di New York.
Categorie: Notizie Basilicata

A San Costantino la prima puntata di "Basilicata, che meraviglia!"

Basilicatanet - Sab, 21/10/2017 - 12:44
Domenica 29 ottobre a San Costantino Albanese, sarà presentata la prima puntata-evento della serie “Basilicata, che meraviglia!”, un’iniziativa di Lucania 131 che mira a promuovere la cultura e la produzione eno-gastronomica della regione attraverso un excursus delle singole comunità locali.
L’evento sarà presentato martedì 24 ottobre a Matera presso l’ex ospedale San Rocco..
“Basilicata, che meraviglia!” è un format in cui si fondono 2 attività, quella della realizzazione di una “puntata” del web serial e quella dell’organizzazione di un evento di festa e partecipazione, un evento di cultura espressa in tutte le sue forme, dalla storia al folclore, dalla religione all’arte, dall’enogastronomia al turismo.
La comunità e tutti gli ospiti presenti all’evento potranno assistere alle riprese della puntata che, stazione per stazione, racconterà secondo una trama romantica le peculiarità del borgo oggetto dell’evento.
I partecipanti vivranno l’esperienza dello spettacolo itinerante il cui percorso si concluderà dando il via ai festeggiamenti in onore della comunità ospitante e della “bellezza” della Basilicata.
L'iniziativa nasce dalla sinergia di Lucania 131, web tv di promozione territoriale in collaborazione con Godebo, piattaforma web di divulgazione della cultura culinaria gourmet e la distribuzione di prodotti enogastronomici tipici lucani e con l’agenzia di comunicazione creativa Amaranto Design.
L’evento si terrà domenica 29 ottobre 2017 a San Costantino Albanese (PZ).
Questo il programma in sintesi:
Itinerario riprese per la puntata
Inizio riprese da struttura ricettiva: Agriturismo “Acacia”. Presentazione della struttura, delle iniziative e servizi offerti dalle strutture ricettive della località, presentazione aneddoti sugli stili di vita quotidiana della comunità il cui tema è il rapporto con la “terra”, il cibo, la famiglia.
Visita al parco outdoor di San Costantino Albanese. Presentazione da parte del gestore dei vari attrattori.
Visita al castagneto. Incontro con le scolaresche. Presentazione dei progetti degli studenti e degli esperti.
Live cooking con Associazione Cuochi Materani: la cultura culinaria del borgo. Massaia vs chef, rivivere la tradizione con le nuove tecniche gourmet.
Visita alla chiesa greco-bizantina di San Costantino, tra architettura, storia e religione.
Visita al museo della città. Il rito dei Nusazitt, tra superstizione e identità culturale.
Saluti del sindaco e introduzione alla cultura Arbresche di San Costantino Albanese.
Iniziative dell’evento (pre, durante e post riprese)
Sagra della castagna
Fiera del cibo tipico lucano curato dalla Condotta Slow Food Magna Grecia Metapontum. Esposizioni e degustazioni di prodotti tipici e presidio Slow Food®.
La battaglia del cucchiaio: competizione tra cuochi sulla preparazione di un piatto tipico. Giuria: il pubblico. Premio: Cucchiaio Godebo
Spettacolo musico-artistico “Flashmob: Musicis” ed esposizione fotografica a cura di Rocco Scattino
Mostra a cielo aperto: le opere degli artisti lucani esposti per le strade e le piazze della città.
Rievocazione storica con la Compagnia d’arme “Castrum Naumanni”, esibizione arcieri medievali e “giuoco del tiro con l’arco antico al pezzente” aperto al pubblico.
Concerto di musica folk albanese con il gruppo “Pizzikatundy”









Categorie: Notizie Basilicata

Ordine Medici Chirurghi e Odontoiatri Pz: rinnovo Consiglio

Basilicatanet - Sab, 21/10/2017 - 12:15
L'Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Potenza rende noto del rinnovo del Consiglio direttivo. Si vota oggi, domani e fino a lunedì 23 ottobre presso il seggio allestito nella sede dell’ Ordine dei Medici. . "Le elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo, la Commissione Albo Odontoiatri e il Collegio dei Revisori dei Conti dell’ Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della Provincia di Potenza proseguirà in seconda convocazione, qualora non si dovesse raggiungere il quorum, sabato 25 , domenica 26 e lunedì 27 novembre".

Categorie: Notizie Basilicata

Cgil Basilicata, Summa: "Le case di riposo rischiano il collasso"

Basilicatanet - Sab, 21/10/2017 - 10:08
"Le case di riposo di Basilicata rischiano il collasso, rette insostenibili per gli anziani, assenza di servizi di qualità e socialità e lavoratori sottopagati in una perenne condizioni di precarietà. In pratica l’attuale sistema si regge in una condizione di  assenza di regole e, standard  che ne definiscano i livelli di assistenza, il tutto  in assenza di risorse pubbliche. 
L'assistenza agli anziani  rappresenta una delle emergenze sociali del nostro paese e di questa regione, un’emergenza cui non corrispondono adeguate risposte assistenziali". 
Lo ha sottolineato il Segretario Generale della Cgil Basilicata Angelo Summa.
“È, infatti, di tutta evidenza” - prosegue – che una delle conseguenze dell'invecchiamento demografico è il sempre maggiore bisogno di un'assistenza più o meno continuativa , che, peraltro, a causa del forte incremento di famiglie cd. mononucleari difficilmente riesce ormai ad essere erogata all'interno del nucleo familiare stesso.
Questo pone due ordini di problemi: da un lato la necessità di fornire una assistenza attraverso strutture adeguate, dall’altra quella di rafforzare l’ assistenza domiciliare che oggi garantisce un servizio ancora molto limitato in termini di ore per anziano .
L’approvazione da parte della Regione del Manuale per l’autorizzazione dei servizi e della strutture pubbliche e private che svolgono attività socio assistenziale e socio educative rappresenta un primo tentativo di normare il settore attraverso la disciplina dei percorsi di accreditamento, autorizzazione ed affidamento dei servizi sociosanitari, contemperando la perseguibilità economica con la valutazione di altri requisiti . Urge, ora, dare corso con immediatezza alla definizione dei criteri per l’accreditamento.
Ma, senza  un intervento legislativo che individui risorse  assumendo la centralità della qualità dei servizi e della qualità del lavoro attraverso  un sistema di accreditamento selettivo accompagnato da meccanismi di contribuzione pubblica per assicurare livelli di qualità , diritti ai lavoratori e tariffe sociali utilizzando anche parte dei circa 70 milioni di euro del Fondo sociale Europeo destinati al welfare, è difficile che si riesca a dare una risposta adeguata e innovativa ai bisogni sociali.
Obiettivo primario è, e deve continuare ad essere, quello di garantire standard di qualità nell’offerta di assistenza e personale qualificato, ed è su questo innesto che si intrecciano il tema dei diritti degli anziani e dei lavoratori.
Partendo da una ricognizione di quante strutture ci sono in Basilicata , quanti posti letto, quali servizi vengono offerti e in che condizione operano, per poter avviare un percorso di accreditamento delle strutture che vogliono candidarsi a gestire tali servizi, definendo costo delle rette e intervento pubblico integrativo per fasce di reddito, affinché  il sistema possa reggersi”.
“Sono del tutto evidenti -  conclude Summa - i crescenti bisogni espressi in questo ambito del welfare, come sono di tutta evidenza le opportunità che il settore socio- assistenziale e quello della cura delle persone offrono. Bisogna investire risorse ed assumere il welfare quale tema politico centrale per renderlo una potenzialità per lo sviluppo del nostro territorio: il welfare crea lavoro e risponde ai bisogni delle persone”.









Categorie: Notizie Basilicata

CERIMONIA PREMIAZIONE XLVI EDIZIONE PREMIO LETTERARIO BASILICATA

Basilicatanet - Ven, 20/10/2017 - 18:52
"Il fecondo incontro spirituale e artistico tra il Cristianesimo Bizantino e quello Latino sarà al centro della Quarantaseiesima edizione del Premio Letterario Basilicata.
Il premio di Saggistica storica lucana intitolato alla memoria dello storico Tommaso Pedìo, di cui quest’anno ricorre il centenario della nascita, - spiegano gli organizzatori -  sarà consegnato il 21 ottobre alle 18.30 nel Santuario Diocesano Maria Santissima di Anglona a Tursi. Previsti gli interventi del Sindaco di Tursi Salvatore Cosma, e di Don Gianluca Bellusci, Rettore del Santuario.
A essere insignito del premio di Saggistica storica lucana sarà Michele Fasanella autore del saggio La democrazia dei partiti Calice Editore. Nell’ambito della stessa sezione sono stati segnalati: Mimmo Cecere con Prima della notte. Un anno con i pastori erranti della Lucania, Oros & Ganos; Antonio Lamantea autore di Il sindaco contadino Rocco Scotellaro tra politica e poesia, Manni editore; Mariavaleria Mininni autrice del volume MateraLucania 2017 Laboratorio città paesaggio, Quodlibet Edizioni; Gaetano Morese, Fra il Vesuvio, l’Etna e l”Himalaya. Giuseppe De Lorenzo dalle lettere a Benedetto Croce e Francesco Saverio Nitti (1901 -1954), Editrice Ermes.
La cerimonia di premiazione sarà preceduta da due convegni.
La mattina alle 10.00 si terrà un dibattito sulla testimonianza del fecondo incontro spirituale e artistico tra il Cristianesimo Bizantino e quello Latino. Vi prenderanno parte: Cosimo Damiano Fonseca; Raffaele D’Amato, Bizantinista dell’Università di Istanbul e Torino; Francesco Cacucci, Arcivescovo di Bari-Bitonto; Archimandrita Georgios Antonopoulos, Delegato del Patriarca Ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I; Antonio Appella, Direttore dell’Ufficio Diocesano Beni Culturali; Dimitris Roubis, Archeologo dell’Università degli Studi di Basilicata. Le conclusioni saranno affidate a Vincenzo Carmine Orofino, Vescovo della Diocesi di Tursi-Lagonegro.
Nel pomeriggio alle 16.00, sempre nel Santuario, ci sarà un Convegno su Anglona tra Oriente e Occidente. Ad aprire i lavori sarà Santino Bonsera. Seguiranno gli interventi di: Cosimo Damiano Fonseca; Luisa Derosa, docente all’Università di Bari; Pietro Dalena, docente all’Università degli Studi della Calabria; Patrizia Del Puente, docente all’Università di Basilicata. Le conclusioni saranno affidate a Francesco Panarelli, docente all’Università di Basilicata.
Domenica 22 ottobre alle 18.00 a Potenza nell’Auditorium del Conservatorio di musica “Gesualdo da Venosa” saranno consegnati i premi delle sezioni di Saggistica storica nazionale, Economia Politica e Diritto dell’Economia, Premio Città di Potenza, Narrativa, Letteratura spirituale e Poesia religiosa, e i premi riservati agli studenti degli Istituti di istruzione secondaria superiore della Basilicata.
Per la Saggistica storica nazionale sarà premiato Pietro Dalena, autore del volume Dalle vie Francesche alla Frangigena. Crociati e pellegrini verso la Terra Santa Adda Editore.
Francesco Dandolo con il saggio Il mezzogiorno fra divari e cooperazione internazionale. «Informazione SVIMEZ» e la cultura del nuovo meridionalismo (1948-1960) è il vincitore del Premio di Economia politica e Diritto dell’Economia intitolato alla memoria di Tommaso Morlino; Il Premio Città di Potenza, destinato a tesi di dottorato sui patrimoni culturali del Mezzogiorno d’Italia e dell’area mediterranea sarà assegnato ex aequo a: Vita Santoro per il lavoro dal titolo “Scrittura e antropologia dei patrimoni culturali. Tassonomie e pratiche di testualizzazione nel quadro della Convenzione Unesco del 2003, Fabio Donnici autore della tesi “Mosaici e pavimenti decorati di età antica in Basilicata (IV sec a.c – VI sec. d.c.).
Il premio di Narrativa sarà consegnato a Melania Mazzucco per il romanzo Io sono con te. Storia di Brigitte Einaudi.
Il Premio della sezione di Letteratura spirituale e Poesia religiosa, infine, sarà consegnato per l’Opera Omnia a Juan Javier Flores Arcas, Monaco benedettino dell’abbazia di Santo Domingo di Silos in Spagna.
Nell’ambito del concorso letterario riservato agli studenti degli Istituti di Istruzione secondaria superiore della Basilicata saranno premiati: Alessia Dapoto, Luigi Gallo, Veronica Tedesco, Lucia D’Andrea, Fiammetta Monetta, Giulia Salvia, Laura Lucia Catarinella, Giuseppe Marotta.
Nel foyer dell'Auditorium del Conservatorio, inoltre, sarà allestito un punto informativo di "Via delle Meraviglie - Identità e reti di integrazione della Basilicata Interna", un ambizioso progetto di sviluppo territoriale che vede impegnato il Comune di Potenza come capofila di quarantatre Comuni sul tracciato dell'antica Via Herculia e dei suoi diverticoli. Un percorso che potrà vivere di luce propria grazie alla valorizzazione e messa in rete di grandi e piccoli giacimenti culturali, da offrire al visitatore come leva attrattiva di un territorio che intende scommettere sulla cultura per generare ricadute dal punto di vista turistico, sociale e occupazionale. Il Piano Integrato Territoriale da proporre al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo sarà presentato il 6 novembre a Potenza nel corso di un convegno che si terrà nella Sala del Cortile del Museo Archeologico Nazionale "Dinu Adamesteanu" a partire dalle ore 18.00.
La serata di premiazione del “Basilicata” 2017 sarà allietata anche dalla partecipazione dell’attrice napoletana Antonella Stefanucci che leggerà alcuni componimenti del poeta lucano Bernardo Panella, scomparso nel gennaio di quest’anno.
Al termine della premiazione è previsto un concerto multimediale dell’Orchestra Sinfonica Mediterranea dal titolo “La musica del cinema italiano” con la partecipazione della cantante Veronica Granatiero e del direttore Benedetto Montebello".

Bas 05

Categorie: Notizie Basilicata

Progetto Legalità: INCONTRO CON PAOLO LANDI ALUNNO DI DON MILANI

Basilicatanet - Ven, 20/10/2017 - 18:43
Domani, 21 ottobre, alle ore 11,00 presso l'Aula Magna "Salvatore Scardillo" dell'Istituto Tecnico Commerciale e Geometri "Loperfido-Olivetti" di Matera vi sarà una giornata di studio su Don Lorenzo Milani "per farne conoscere agli alunni la vita, le scelte, gli scritti, per riflettere sul messaggio educativo che realizzò nella celebre Scuola popolare di Barbiana, intesa a colmare gli svantaggi formativi e a ridurre le distanze fra ragazzi di posizioni sociali e culturali diverse".
I lavori saranno introdotti da Marina Festa, referente dell'Associazione Antiracket e Antiusura "Famiglia e Sussidiarietà" e coordinati da Don Basilio Gavazzeni, Presidente della Fondazione Antiusura Mons. Vincenzo Cavalla.
All'incontro parteciperà Polo Landi, uno degli alunni di Don Lorenzo Milani, notissimo Presidente dell’Adiconsum e a lui spetterà di parlare del Maestro speciale che fu il Priore don Milani.

Bas 05

Categorie: Notizie Basilicata

Ens: al teatro Stabile in scena "Il Bosco delle Favole Confuse”

Basilicatanet - Ven, 20/10/2017 - 18:24
L’Ens Provinciale di Potenza in collaborazione con la Compagnia teatrale Arte & Mani, sono pronti nel presentare il primo appuntamento con il teatro sordo, che si svolgerà a Potenza il prossimo 21 Ottobre 2017 alle ore 18.30 presso il teatro Stabile in piazza Mario Pagano.
Questa giornata di Teatro Sordo ha l’intento di potenziare e favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra il teatro tradizionale e il teatro sordo.
La compagnia “Arte&Mani - Deaf Italy” nasce insieme a un nuovo tipo di teatro: il teatro sordo LIS, vale a dire una forma teatrale che prende spunto dalla cultura e dalla lingua dei sordi, restituendola nella sua interezza anche a un pubblico udente. Infatti tale progetto, alla cui realizzazione collaborano insieme al regista attori e tecnici teatrali, vuole promuovere spettacoli nati da drammaturgie originali, in cui la LIS (Lingua dei Segni Italiana) e l’Italiano partecipino alla pari, da protagoniste, e vengano utilizzate con uno stesso registro linguistico. Questo permette tanto a un pubblico sordo quanto a un pubblico udente di abbracciare le emozioni del racconto teatrale, di capire più facilmente i personaggi e di essere quindi parte attiva della “macchina teatrale”, senza che qualcuno possa sentirsene escluso. Il teatro sordo LIS sta crescendo in modo inarrestabile proprio in virtù di questo suo potenziale creativo e formativo; si tratta di una novità nel panorama del teatro sordo italiano. Il progetto di “Arte&Mani” nasce dalle idee e dalle ricerche di Dario Pasquarella. Naturalmente non sarebbe mai stato possibile parlare oggi di un teatro sordo LIS se prima non vi fosse stato un teatro LIS che trova nel Laboratorio Zero di Roma, fondato da Ginetta Rosato, il primo esempio italiano; tuttavia il teatro sordo LIS si distingue dal teatro LIS in virtù della presenza di una drammaturgia originale.
La serata sarà aperta con i saluti del Sindaco della citta di Potenza Ing. Dario De Luca e del Presidente del Consiglio della Regione Basilicata, Francesco Mollica.
A portare in scena lo spettacolo intitolato “Il Bosco delle Favole Confuse”, saranno lo stesso regista Dario Pasquarella insieme alle attrici Laura Colusso e Marcella Marasca.

Bas 05


Categorie: Notizie Basilicata

Confindustria: Basilicata protagonista a convegno di Capri

Basilicatanet - Ven, 20/10/2017 - 18:02
Si è alzato il sipario sulla 32esima edizione del tradizionale Convegno dei Giovani Imprenditori di Capri che quest’anno vede una forte partecipazione della Basilicata e di imprese lucane associate a Confindustria Basilicata. La regione è stata protagonista all’interno del workshop “Oltre il territorio, la partnership pubblico-privato per lo sviluppo” che ha visto una foltissima partecipazione di pubblico e che ha rappresentato una reale e concreta occasione di confronto tra istituzioni, imprenditori, investitori e operatori economici sui temi dello sviluppo territoriale.
“Abbiamo fortemente voluto, all’interno di questa due giorni – ha spiegato il presidente GI Basilicata, Francesco D’Alema, che quest’anno presiede il Comitato Interregionale GI Mezzogiorno promotore dell’evento – che ci fosse un momento dedicato alle strategie di sviluppo dei nostri territori grazie a una nuova alleanza tra pubblico e privato”.
“Un binomio – ha continuato D’Alema – che rappresenta una delle principali leve strategiche per sostenere lo sviluppo del nostro territorio, soprattutto nelle regioni del Sud Italia”.
Dalla programmazione dei fondi comunitari 2014-2020 ai Patti per il Sud, dal Decreto Mezzogiorno agli strumenti messi in campo dalla singole regioni: una cassetta degli attrezzi per intervenire sia sui fattori di contesto, sia sui livelli di competitività delle imprese. Il dibattito – che ha visto a confronto i rappresentati istituzionali di alcune regioni del Mezzogiorno, tra cui la Basilicata - si è arricchito del prezioso intervento dell’Autorità di Gestione dei PO Fesr lucani, Antonio Bernardo, che ha spiegato i risultati raggiunti attraverso la programmazione dei fondi comunitari e i principali ambiti d’intervento della nuova programmazione 2014-2020.
Hanno tracciato un quadro su come stanno incidendo le politiche pubbliche regionali rispetto agli strumenti di sostegno nazionali, gli assessori alle Attività produttive di Sicilia e Campania, rispettivamente Maria Lobello e Amedeo Lepore.
Ne è emerso come, accanto alla manifattura, - sottolinea la nota di Confindustria Basilicata -  il turismo e l’industria creativo-culturale stanno dimostrando maggior dinamismo, connotandosi come driver sempre più centrali nel rilancio dell’economia del Mezzogiorno. Una testimonianza concreta in questa direzione è stata portata al workshop da Aldo Melpignano di Borgo Egnazia, Luxory hotel consacrato da Luxory travel hotel più bello al mondo. Melpignano ha raccontato come l’iniziativa imprenditoriale di famiglia – anche grazie all’aiuto del pubblico e in particolare della Regione, ma soprattutto grazie al grande appeal che la Puglia esercita dal punto di vista turistico – li abbia trasformati da albergatori per caso in albergatori numero uno al mondo.
Altro testimone d’eccellenza al workshop sulle potenzialità economiche che si possono dischiudere dalla valorizzazione del patrimonio artistico – culturale - ambientale è stato il direttore della Fondazione Matera Basilicata 2019, Paolo Verri. Alla platea degli imprenditori di Capri ha raccontato come la Città dei Sassi abbia realizzato il miracolo da vergogna italiana a Capitale della Cultura e soprattutto ha illustrato le opportunità che gli investimenti privati possono sviluppare intorno a questo grandissimo evento che ha trovato proprio nell’intervento del privato un imprescindibile fattore di successo.
Il responsabile delle relazioni istituzionali Elite, Roberto Race, che ha moderato il workshop ha poi sollecitato i numerosi interventi da parte dei presenti, stimolando un interessante confronto.
“Vogliamo scommettere su un Sud che dà e non che chiede”, ha concluso il presidente D’Alema

Bas 05
Categorie: Notizie Basilicata

Pagine

Please configure this section in the admin page