Notizie Basilicata

Matera si muove su nuova stazione Fal

Basilicatanet - 5 ore 51 min fa
"L‘unica affermazione che ci sentiamo di condividere delle parole usate nella usuale indubbia e dotta dialettica del Sindaco nella passerella di questa mattina è quella in cui ha affermato che comunque 'la piazza di Matera non è piazza della visitazione ma Piazza Vittorio Veneto'.
Tutto il resto - sostiene Matera si muove in una nota -  è FAL parafrasando la nota canzone. Ed è purtroppo solo FAL: una semplice stazione (sembra molto un autogrill nord europea) ristilizzata dall ‘architetto di fama, per carità di indubbia fama, usato all’occorrenza per condannare Matera al ricordo plastico del suo isolamento infrastrutturale ferroviario e all ‘inadeguatezza anacronistica, inefficiente e per giunta sprecona e contraddittoria.
Il partito FAL , cha ha molti iscritti e militanti nel Comune di Matera e non da oggi, ciclicamente ripropone nonostante polemiche e rilievi la realizzazione della metropolitana che dovrebbe collegare Agna san Francesco, attraversare tutta la Città ed avere questa bella stazione boeriana modello 2019. Punto. Il resto è una sogno inutile che si vuol propinare alla Città.
Peccato. Rimarrà, infatti, solo questo bellissimo autogrill di design, perché non esiste al mondo una metropolitana che utilizzi locomotori diesel euro III -altamente inquinanti - in un budello interrato con un solo binario. Per giunta non aereato e che non permetterà mai un servizio metropolitano che possa far percorrere treni con corse ad intervalli sotto i 30 minuti. Di che cosa stiamo parlando? A che cosa servirebbe? Ma loro Fal intanto si fanno la stazione stellare: l'ennesimo monumento allo spreco ed all ‘inutilità anche perche non esiste nemmeno al momento la possibilità da parte di fal di utilizzare (treni euro diesel III) dedicati solo al trasporto della tratta metropolitana di Matera".

Bas 05
Categorie: Notizie Basilicata

Sviluppo Basilicata, a Matera laboratorio su patrimonio culturale

Basilicatanet - 6 ore 9 min fa
Si terrà questo pomeriggio a Matera presso il Palazzo della Provincia un laboratorio partecipato promosso da Sviluppo Basilicata nell’ambito del progetto “Chimera, INTERREG-MED”, con la collaborazione del Consorzio Materahub. Il BOOT CAMP è inserito nel contesto della Conferenza internazionale “YOCOCU 2018, dialogues in cultural Heritage – 22/26 maggio 2018, Matera” organizzata da YOCOCU (Youth Conservation of Cultural Heritage) e il CNR-IBAM che vedrà la partecipazione di ricercatori provenienti da diversi paesi europei ed extra europei impegnati a discutere e mostrare esperienze ed approcci alla conservazione, interpretazione valorizzazione del patrimonio culturale, dal 22 al 26 maggio a Matera, come evento a latere.
Nello specifico il BOOT CAMP, organizzato da Sviluppo Basilicata in collaborazione con il Consorzio Matera Hub, è rivolto a rappresentanti delle Comunità lucane, delle imprese afferenti i settori culturale e creativo, rappresentanti dell’Università e degli Enti/Istituti di ricerca, di Enti, Comuni, Istituzioni e Organizzazioni del Terzo Settore che operano a sostegno dei settori della cultura e della creatività in Basilicata.
PROGRAMMA del BOOT CAMP
ore 16:00 – tavola rotonda
- Sviluppo Basilicata: presentazione del progetto Chimera per le imprese culturali e creative;
- IBAM CNR/Digimat: nuove tecnologie e nuove metodologie per il monitoraggio e interpretazione dei Beni Culturali in Basilicata;
- UNIBAS: progetti pilota “Smart Cities” e “Smart Basilicata” per l’innovazione tecnologica e metodologica nella manutenzione e fruizione dei Beni Culturali;
- T3 Innovation: programmi e strategie per il supporto alla nascita e al sostegno delle imprese culturali e creative in Basilicata;
- APT Basilicata: progetti in corso e programmi a sostegno del turismo culturale e creativo in Basilicata;
- CSV Basilicata: l’importanza di coinvolgere le comunità e le organizzazioni di volontariato a supporto della cultura e della creatività in Basilicata;
- Consorzio Materahub, Centro Europe Direct Matera: il potenziamento delle imprese culturali e creative lucane attraverso le opportunità offerte dall’Europa.
ore 17:00 - Laboratorio di co-design
I partecipanti lavoreranno divisi in gruppi per far emergere fabbisogni comuni e linee guida per progetti innovativi a sostegno dei settori della cultura e della creatività in Basilicata.
ore 19:00
Restituzione dei lavori e programma degli appuntamenti successivi.

bas 02

Categorie: Notizie Basilicata

Gara servizi pulizia Ssr: la Suarb fa chiarezza

Basilicatanet - 6 ore 17 min fa
“Il Comitato di Direzione della Stazione Unica Appaltante della Regione Basilicata ha fatto chiarezza questa mattina rispetto ad alcune affermazioni contenute in comunicati stampa di parte sindacale relativi all’aggiudicazione dell’appalto del servizio di pulizia in fabbisogno alle Aziende del servizio sanitario regionale.
Pur ritenendo legittime le preoccupazioni legate alla condivisibile tutela dei livelli occupazioni, il Comitato di Direzione della Suarb ha ritenuto doveroso sottolineare la pericolosità di affermazioni che, destituite di fondamento giuridico, possono capziosamente determinare effetti suggestivi riguardo al “modus operandi” che ha caratterizzato la gestione della procedura di che trattasi e, più in generale, l’azione della Stazione Unica Appaltante.
Al solo fine di ripristinare l’esatta realtà dei fatti, va tenuto presente:
che il fabbisogno di partenza per il servizio a base di gara è stato determinato (e non poteva essere diversamente) dalle Aziende sanitarie titolari del contratto di servizi sulla base delle superfici degli ambienti da pulire;
che il disciplinare di gara ha regolarmente previsto all’art. 2 l’applicazione della clausola sociale così come stabilita dalla Legge Regionale: “In applicazione dell’art. 1 della L.R. 15.02.2010 n. 24 e fatte salve le previsioni della contrattazione collettiva, ove più favorevoli, è fatto obbligo all’aggiudicatario di utilizzare il personale già assunto dalle precedenti imprese appaltatrici, compatibilmente con la gestione efficiente dei servizi e della normativa vigente sugli appalti, nonché le condizioni economiche e contrattuali già in essere.”
che l’intera gestione del procedimento di gara è stata costantemente presidiata dalla puntale e chiara conformità di ogni suo snodo ai precetti di legge in materia e, nella specie, l’aggiudicazione è avvenuta tassativamente in conformità al criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.
Per fugare ogni residua “confusione” sul criterio di aggiudicazione basti pensare, inoltre, che nessuno dei lotti relativi alla procedura di gara oggetto di attenzione è stato aggiudicato con il criterio del massimo ribasso, tant’è che, ove mai ciò fosse stato, gli stessi sarebbero stati aggiudicati ad operatori economici diversi da quelli risultati aggiudicatari, non essendo questi ultimi infatti portatori del “maggior ribasso”.
Una cosa, infine, è stata precisata con chiarezza: il legislatore statale ha stabilito obbligatoriamente che il nuovo appaltatore non è quello che offre il prezzo più basso, ma quello che organizza il lavoro nella maniera migliore. Questa regola non può essere cambiata nemmeno con percorsi allargati tirando dentro soggetti che al riguardo non possono prendere decisioni.
In conclusione - ha tenuto a sottolineare il Comitato di Direzione - la Stazione Unica Appaltante della Regione, per il ruolo assegnatele dal legislatore regionale e nazionale, non può essere coinvolta in un percorso sindacale/datoriale che non le compete, ma soprattutto non può essere messa, come spesso accade, al pubblico ludibrio per non aver superato, quasi con un tocco di bacchetta magica, problemi che spetta ad altri affrontare e risolvere”.

 
Categorie: Notizie Basilicata

Firmata convenzione tra Unibas e Fondazione Ricerca Biomedica

Basilicatanet - 6 ore 22 min fa
La Fondazione Basilicata Ricerca Biomedica e l'Università della Basilicata collaboreranno per iniziative, attività e programmi di ricerca e sviluppo, e per la formazione, in particolare per la realizzazione di progetti di ricerca e sviluppo, tirocini formativi di studenti e dottorandi, scambio di informazioni, di pubblicazioni scientifiche e di altro materiale didattico e scientifico, e la promozione di iniziative comuni come seminari, convegni ed eventi. E' quanto previsto in una convenzione firmata oggi, a Potenza, nella sede dell'Ateneo lucano, dalla Rettrice, Aurelia Sole, e dalla presidente della Fondazione, Francesca Antonella Amodio. L'accordo ha una durata di cinque anni, e "costituisce l’avvio di una collaborazione - è scritto nella convenzione - che potrà concretizzarsi in tutti i campi e nelle discipline di comune interesse e che si attuerà concretamente tramite specifici accordi operativi, nei quali verranno definiti e dettagliati i singoli scopi della cooperazione didattica e scientifica, tempi e modalità del suo svolgimento, le rispettive responsabilità, gli eventuali impegni economici e i risultati attesi. Previa valutazione congiunta fra le parti, i singoli accordi operativi potranno coinvolgere altri soggetti terzi quali aziende, enti e istituzioni locali, nazionali, europee e internazionali”.
“Continua il percorso di coinvolgimento del territorio – ha detto la Rettrice – e della creazione della rete tra l’Ateneo e le strutture di ricerca della Basilicata: l’Unibas rappresenta una potenzialità straordinaria per questa regione, che continua a mettere a disposizione della comunità le sue strutture e le sue competenze”. La presidente della Fondazione ha invece espresso “soddisfazione per il coinvolgimento dell’Unibas, punto di riferimento prestigioso per la Basilicata, che oggi entra nel nostro percorso di studio e di lavoro”.

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Montescaglioso, convegno su Carlo e Giambattista Salinari

Basilicatanet - 6 ore 24 min fa
La Fondazione Basilicata Futuro e la Fondazione Cassa di Risparmio di Calabria e di Lucania, in collaborazione con la Fondazione Gramsci di Roma, l'Università degli Studi della Basilicata, la Provincia di Matera, la Città di Montescaglioso e l’Associazione Nazionale Partigiani Italiani, hanno inteso promuovere e organizzare per i giorni 25-26 maggio pp.vv. il Convegno di Studi "Carlo e Giambattista Salinari tra Scuola, Politica e Letteratura”.
Entrambi nativi di Montescaglioso, Carlo (1919-1977) e Giambattista (1909-1973) Salinari sono stati Professori di Letteratura italiana e affermati critici letterari, partigiani e combattenti nella lotta al nazifascismo con i nomi di battaglia di "Spartaco" e "Sertorio" e stimati dirigenti politici e sindacali.  Allievo di Natalino Sapegno, Carlo è stato Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università "La Sapienza", responsabile della Commissione culturale del Partito Comunista Italiano dal 1951 al 1955 e dirigente della Federazione romana del PCI. Giambattista, invece, è stato docente incaricato alla "Sapienza" tra il 1965 e il 1968 e in più Preside del Liceo Scientifico Statale "Guido Castelnuovo" di Roma a partire dal 1962, sostenendo importanti iniziative sindacali nell'ambito dell'insegnamento scolastico.
Il Convegno si aprirà a Montescaglioso il pomeriggio di venerdì 25 maggio presso la Sala del Capitolo dell'Abbazia benedettina di San Michele Arcangelo (ore 15.00), proseguirà a Matera la mattina di sabato 26 maggio presso la Sala "Laura Battista" della Biblioteca Provinciale "Tommaso Stigliani" (ore 9.00) e vedrà la partecipazione di docenti e ricercatori di prestigiose Università italiane ed Istituti di cultura.
Alle ore 11:00 di venerdì 25 maggio, inoltre, il Sindaco, la Giunta e i Consiglieri comunali della Città di Montescaglioso riceveranno in Municipio le signore Anna Carla, Serenella e Patrizia Salinari, rendendo omaggio alla memoria dei loro rispettivi genitori nonché illustri cittadini montesi. Alle ore 12:00, infine, la famiglia Salinari incontrerà presso l'Istituto Comprensivo "Palazzo Salinari" di Montescaglioso la Prof.ssa Antonia Salerno, Dirigente scolastico dell'Istituto, e una delegazione composta da docenti e alunni.

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Presidente Pittella a congresso Uil-Fpl

Basilicatanet - 6 ore 38 min fa
Prima di raggiungere Matera, dove ha partecipato alla presentazione del progetto della nuova stazione delle Ferrovie Appulo lucane, il governatore della Basilicata, Marcello Pittella è intervenuto questa mattina a Picerno all’inaugurazione dei lavori del quinto congresso regionale della Uil-Fpl, presenti, tra gli altri, il segretario regionale Antonio Guglielmi, il segretario generale nazionale, Michelangelo Librandi e il leader della Uil lucana, Carmine Vaccaro. Il presidente si è intrattenuto per una mezz’ora con i partecipanti, - fra dipendenti del settore pubblico, delegati, rappresentanti sindacali e delle istituzioni - approfittando dell’occasione per ascoltare richieste e suggerimenti da parte degli addetti ai lavori. “In Basilicata - ha detto Pittella a margine dell’assemblea - sono stati fatti molti passi in avanti negli ultimi anni, a partire dalla riorganizzazione della governance regionale senza perdite di posti di lavoro, dalla riforma di quello sanitario, fino ad arrivare alla riunione dei consorzi di bonifica o alla razionalizzazione di alcuni enti subregionali. Importante, in questa fase, è stato il ruolo di un sindacato con il quale si può dialogare, come la Uil-Fpl. Ricordo, ancora, quanto è stato fatto sui precari dell’Alsia, sull’Arpab, sui dipendenti delle Province. Ma abbiamo ancora altro da realizzare. Basti pensare al progetto che stiamo lanciando in questi ultimi mesi di legislatura che coinvolgerà gli enti locali, per un concorso che possa dare sbocco lavorativo, nel pubblico, a tante giovani professionalità, favorendo il necessario turn over. Dare spazio a forze fresche - ha proseguito il governatore - permetterebbe tra l’altro di rivitalizzare e modernizzare il sistema del pubblico impiego, con benefici diretti proprio nei confronti dei cittadini. C’è stata, inoltre, per quanto riguarda la macchina amministrativa regionale, una rotazione dei dirigenti, ma restano altre priorità, molte delle quali rilanciate dal segretario regionale della Uil-Fpl, Antonio Guglielmi: ridurre il numero degli uffici e dei dipartimenti, valorizzare le professionalità, ridefinire gli enti e la loro missione, ed allo stesso tempo concedere una particolare attenzione ai Comuni. Abbiamo compiuto passi in avanti, anche per quanto riguarda i percorsi di stabilizzazione e l’attenzione ai precari. Il nostro lavoro non è terminato, ma la strada che abbiamo inaugurato e percorso in questi quattro anni ci ha consentito di ottenere ottimi risultati”. Erano presenti all’assemblea congressuale della Uil-Fpl, anche gli assessori regionali all’Ambiente, Francesco Pietrantuono, alle Politiche di Lavoro, formazione e ricerca, Roberto Cifarelli e alle Politiche per la persona, Flavia Franconi.
 
Categorie: Notizie Basilicata

Da bambino dislessico ad autore: la storia di Giovanni D'Andrea

Basilicatanet - 6 ore 47 min fa
La Pro Loco Filiano presenta il libro “Nonostante gli schiaffi… come vivere con successo la dislessia”
Da bambino, Giovanni non si sentiva come tutti gli altri: aveva problemi a leggere e veniva considerato “pigro” o, peggio ancora, “stupido” da compagni e docenti. Le ore scolastiche erano per lui un supplizio interminabile. Nessuno, né i suoi genitori, né gli insegnanti, aveva capito che il suo non era un deficit di volontà o di intelligenza, ma un disturbo dell'apprendimento chiamato dislessia.
Giovanni D’Andrea, oggi laureato, ha voluto raccontare la storia del suo difficile rapporto con la scuola nel libro “Nonostante gli schiaffi… come vivere con successo la dislessia”. L’agile volumetto sarà presentato venerdì 25 maggio 2018, alle ore 18:00, presso il Centro sociale di Filiano.
Il momento di riflessione sulla dislessia, un disturbo caratterizzato dall’incapacità di leggere e comprendere uno scritto, è promosso e organizzato dall’Associazione Pro Loco di Filiano e la locale Biblioteca, in collaborazione con l'Associazione Italiana Dislessia e lo Studio d'Arte "Il Santo Graal", e con il patrocinio del Comune di Filiano.
La serata sarà introdotta dai saluti della Presidente della Pro Loco Filiano, Maria Santarsiero, e del Sindaco di Filiano, Francesco Santoro, mentre a moderare gli interventi sarà Vito Sabia della Pro Loco Filiano.
Ricco il parterre dei relatori: Grazia Pastore, curatrice del progetto editoriale; Anna Lucia Gagliardi, Presidente AID-sezione di Potenza; Aurelio Pace, Consigliere regionale di Basilicata. Sarà presente l’autore.

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Amabili Confini: 24 e 25 maggio a Matera con scrittore Vasta

Basilicatanet - 6 ore 57 min fa
Seconda tappa della Terza Edizione del progetto di rigenerazione sociale delle periferie di Matera, ideato da Francesco Mongiello e realizzato e promosso dall'associazione Amabili Confini.
Giovedì 24 maggio alle 19.00, nello slargo vico “G. Bruno” di San Pardo, gli abitanti dei quartieri Granulari, San Giacomo e San Pardo incontreranno lo scrittore Giorgio Vasta per dialogare e condividere riflessioni ed emozioni sul tema Umanità. Saranno letti e commentati due testi giunti dalla seconda macroarea (uno estratto a sorte, l'altro selezionato dal team di Amabili Confini) ed uno scelto tra quelli pervenuti dal Centro per i Minori di Salandra. La sezione “Periferie Sociali”, riproposta per dare voce a coloro che vivono ai margini della comunità e che anelano ad una maggiore integrazione nel tessuto sociale della propria comunità, ha visto la partecipazione dei migranti ospiti dei centri di accoglienza lucani, gestiti dalla Società Cooperativa Polis Mathera e dall'associazione Tolbà Onlus, nonchè dei cittadini detenuti della Casa Circondariale di Matera.
Venerdì 25 maggio Giorgio Vasta incontrerà, alle 11.15, gli studenti del Liceo Scientifico “D. Alighieri” e, alle 19.00, nella piazzetta antistante la Chiesa del Purgatorio di via “D. Ridola”, presenterà il suo romanzo più recente. Dialogheranno con l'autore di Absolutely Nothing la giornalista Simonetta Sciandivasci e la Co-founder di Casa Netural Mariella Stella.
Absolutely Nothing. Cosa resta di un viaggio nei deserti americani? La luce accecante, la polvere, le ghost town e altre reliquie dell’abbandono – un ippodromo-astronave, le rive di un lago fossile, un cimitero di aeroplani. Restano pagine fitte di appunti raccolti in ottomila chilometri costellati di imprevisti e digressioni attraverso California, Arizona, Nevada, New Mexico, Texas e Louisiana. A percorrerli, con Giorgio Vasta, ci sono il fotografo Ramak – camicia hawaiana, sorriso cordiale, e una spiccata attitudine a complicarsi la vita – e Silva, pianificatrice e baricentro razionale del viaggio. Doveva essere un reportage, una guida letteraria; ma quando ciò che accade nel deserto – per eccellenza luogo di miraggi e sparizioni – si rivela il preludio di quello che succederà nella vita dello scrittore al suo ritorno, l’asse del libro si modifica: le persone diventano personaggi, e per Vasta il viaggio negli spazi americani diventa un viaggio nella propria immaginazione. A fare da contrappunto, le fotografie di Ramak Fazel, che del racconto sono espansione, verifica e, allo stesso tempo, smentita. Ritratto dell’America, ragionamento sul suo mito e omaggio alle sue narrazioni, Absolutely Nothing traccia un itinerario che collega scrittura documentaristica e fiction, riflessione e autobiografia, per provare a comprendere cosa accade ai luoghi – e alle nostre esistenze – quando le persone che li hanno abitati (che ci hanno abitati) se ne vanno via.
Nato a Palermo nel 1970, Giorgio Vasta ha pubblicato il romanzo Il tempo materiale (minimum fax, 2008, Premio Città di Viagrande 2010, Prix Ulysse du Premier Roman 2011, pubblicato in Francia, Germania, Austria, Svizzera, Olanda, Spagna, Ungheria, Repubblica Ceca, Stati Uniti e Inghilterra), Spaesamento (Laterza, 2010), Presente (Einaudi, 2012, con Andrea Bajani, Michela Murgia, Paolo Nori). Con Emma Dante ha scritto la sceneggiatura del film Via Castellana Bandiera (2013). Collabora con La Repubblica, Il Venerdì, Il Sole 24 Ore e Il Manifesto, e scrive sul blog letterario minimaetmoralia.com.

Bas 05

 
Categorie: Notizie Basilicata

Comune Pz: Zona industriale, firmato protocollo Comune-Asi

Basilicatanet - 7 ore 2 min fa
“Un momento storico per la città di Potenza e per il suo impianto urbanistico, il protocollo sottoscritto ci consentirà di operare concretamente per il recupero e la riqualificazione urbana dell’intera area industriale. Inoltre uno dei simboli della nostra città, il ponte Musmeci, potrà essere restaurato grazie all'intesa raggiunta tra l'Amministrazione Comunale, il Consorzio Asi e la Regione Basilicata": così dichiara l’assessore all’Urbanistica Rocco Pergola sottoscrittore del protocollo insieme al sindaco Dario De Luca e al Commissario straordinario del Consorzio Asi, Eustachio Cardinale. “Ringrazio l’assessore Pergola e il commissario Cardinale, che insieme al direttore Guido Bonifacio, hanno lavorato congiuntamente all’estensione di un documento, che permetterà a entrambi di lavorare insieme a un progetto condiviso, su un’area strategica, non solo per il capoluogo, ma per il suo hinterland e per l’intera regione” così afferma il Sindaco Dario De Luca. Con il documento le parti hanno ridefinito gli ambiti territoriali di rispettiva potestà pianificatoria e gestionale, nonché le modalità e i contenuti di tale operazione. Il Consorzio si impegna a definire, d’intesa con il Comune, il nuovo Piano Regolatore del nucleo industriale di Potenza, ed a promuovere l’indizione della Conferenza di Pianificazione. Il Comune avvierà un piano strategico di rigenerazione urbana, in sinergia con il Consorzio, inoltre si inizierà l’attività progettuale propedeutica alla redazione di una proposta di Variante al vigente Regolamento Urbanistico. Si procede, inoltre, alla ridefinizione degli ambiti territoriali di rispettiva potestà pianificatoria, definiti dal Regolamento Urbanistico e si stabilisce che l’attuale Area di Sviluppo Industriale di Potenza, venga suddivisa in due aree identificate con le lettere A e B. Le aree A rappresentano gli ambiti che permarranno all’interno del Nucleo Industriale di Potenza di competenza del Consorzio, mentre le aree B saranno oggetto di trasferimento al Comune di Potenza.

Area A Superficie territoriale
mq ha
TOTALE 404.254,68 40,425
Area B Superficie territoriale
mq ha
TOTALE 2.170.102,52 217,01
Resta nella competenza del Consorzio ASI l'area su cui insiste il nuovo depuratore a servizio della città di Potenza, in località Tiera di Vaglio, mentre le Amministrazioni firmatarie convengono di attuare il trasferimento al Comune di Potenza di ogni competenza relativa alla rete viaria principale e di servizio presente nell’area industriale di Potenza, ivi comprese le adiacenti aree destinate a verde e/o a parcheggio e l’impianto di pubblica illuminazione. Le amministrazioni stabiliscono l’immediato trasferimento nella competenza del Comune di Potenza dell’opera ingegneristica di Musmeci, costituente la principale porta di accesso alla Città di Potenza. Inoltre si definisce l’immediato trasferimento al Comune della competenza in ordine alla disciplina di utilizzo di quelle aree di proprietà consortile, oggetto di recenti trasformazioni d’uso intervenute e riguardanti la realizzazione del nuovo Terminal delle autolinee extraregionali di viale del Basento e dei servizi ad esso connessi; in particolare le aree di viale del Basento occupate dal Terminal e di via della Chimica, costituenti l'anello di senso unico di circolazione. Relativamente allo svolgimento delle attività mercatali, il Comune di Potenza si impegna a garantire un servizio di vigilanza adeguato alla portata degli eventi previsti, ad effettuare le operazioni di pulizia e di ripristino dello stato dei luoghi nelle ore e nei giorni susseguenti la tenuta degli stessi, ad adeguare le previsioni di utilizzo alle norme di sicurezza vigenti, a tenere in debito conto le esigenze delle aziende insediate nell’area, garantendone l’operatività; Il Comune di Potenza avrà la facoltà di effettuare, entro dette aree, i lavori di adeguamento funzionale di lieve entità, necessari al fine di allocare, nella maniera più agevole e funzionale, i posteggi del mercato mensile e delle fiere.

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Simonetti (Cseres) su cessione superfici Asi a Comune Potenza

Basilicatanet - 7 ore 9 min fa
"Il Consorzio Industriale di Potenza, con un apposito protocollo, ha trasferito al Comune di Potenza oltre 2.170.102 mq di superficie territoriale per la ridefinizione delle norme urbanistiche e di gestione programmatoria del territorio. L'Asi ha conservato solo 404.254 mq dove sono allocate le aziende in attività industriale". Lo dichiara Pietro Simonetti del Centro Studi e Ricerche economiche e sociali (Cseres).
"Si tratta di un provvedimento importate da noi invocato da tempo assieme alla riutilizzazione degli spazi e dei capannoni  non utilizzati per attività artigianali, servizi e attività culturali e di tutela dell'ambiete. L' Asi provvederà da parte sua all'approvazione di un nuovo strumento urbanistico per l'area conservata.
Dopo questa decisione occorrerà provvedere all'attuazione degli interventi concordati per il consolidamento dei livelli occupazionali e dei servizi da erogare ai cittadini e alle imprese.
In questo contesto si rende urgente per i Consorzi Industriali, con il confronto con gli Enti Locali e le parti sociali, definire, cosi come prevede la legge in vigore, un piano per il riutilizzo dei cento capannoni vuoti e non utilizzati, circa 35 nell'ambito della gestione di curatela fallimentare che vede alcune situazioni aperte da 25 anni.
In questo quadro di misure attuate e da attuare vanno valutate positivamente le decisioni assunte da Asi Potenza anche per quanto riguarda il riequilibrio a suo favore delle tariffe per i servizi erogati, per troppo tempo al di sotto dei prezzi di mercato, uno degli aspetti prodottosi dell'indebitamento".

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Romanzo "Il passato non passa mai-Tutte le guerre sono bugiarde"

Basilicatanet - Lun, 21/05/2018 - 19:07
E’ la guerra che si dovrebbe raccontare nelle scuole, al di là di date, vittorie e sconfitte, quella raccontata nel romanzo di Michele De Ruggieri “Il passato non passa mai – Tutte le guerre sono bugiarde”.
Il libro sarà presentato a Matera mercoledì 23 maggio 2018, l’appuntamento è alle 18,30 nella sala Levi a Palazzo Lanfranchi. Interverrà l’autore che dialogherà con la giornalista Sissi Ruggi.
La presentazione del romanzo di Michele De Ruggieri è organizzata in collaborazione con il Polo Museale della Basilicata. Il Circolo La Scaletta ha concesso il patrocinio.
Autore pugliese con radici lucane, Michele De Ruggieri racconta con una prosa schietta e molto curata una storia che prende avvio nel settembre 1916 con il protagonista che viene chiamato alle armi. Fra la famiglia che tenta senza riuscirvi di non farlo mandare al fronte, la guerra di trincea e la prigionia, sin dalle prime pagine e confermando il titolo il romanzo è una chiara condanna della guerra. La penna di Michele De Ruggieri sceglie di raccontare tutto questo attraverso un’attenta ricostruzione storica e i sentimenti. Dalla paura di essere uccisi alla lotta per la sopravvivenza nel campo di concentramento, dove la fame cambia la gerarchia dei valori. Basta una lettera da casa, che fa intravedere la vita, e le lacrime che accompagnano la lettura restituiscono gli uomini a loro stessi.
Il libro, pubblicato da Europa Edizioni (162 pagine, euro 13,90) è il secondo romanzo di Michele De Ruggieri. Nel 2010 ha pubblicato il romanzo storico “Al di qua del Faro”- Guida Editori, ambientato tra le montagne lucane e il golfo di Napoli agli albori dell’Unità d’Italia.

Bas 05

Categorie: Notizie Basilicata

Il 24 e 25 a Matera convegno internazionale su don Milani

Basilicatanet - Lun, 21/05/2018 - 18:48
Don Lorenzo Milani è un punto di riferimento per educatori, formatori –in generale- ma anche per intellettuali, politici, rappresentanti istituzionali e singoli cittadini. Perché Don Milani ci ha lasciato in eredità un grande monito: “I care”, che dall’inglese significa “mi stai a cuore, mi interessi”. Era sì una risposta al motto fascista “me ne frego” dell’epoca, ma è, tutt’ora un invito e un’ispirazione che deve essere alla base di ogni attività che ci pone in relazione con l’altro: dalla scuola alle istituzioni, alle relazioni interpersonali agli impegni sociali.
Il convegno su don Milani a Matera, il 24 e 25 maggio p.v., presso l’Istituto sant’Anna (organizzato dall’Università degli Studi della Basilicata, e dall’Istituto Superiore di Scienze Religiose Interdiocesano “Mons. Anselmo Pecci” di Matera e dall’Associazione Pedagogica Italiana -As.Pe.I.), vuole richiamare la figura di un grande uomo (personaggio scomodo), nel cinquantennio della sua morte, che ancora oggi ha tanto da dire, proprio a partire dal quel “I care”. Le due giornate saranno articolate in quattro sessioni. La mattinata del 24 sarà caratterizzata dalla biografia e le opere, in particolare sarà Giuseppe Spadafora, dell’Università della Calabria a riproporre la famosa “Lettera a una professoressa” e dei suoi aspetti pedagogici, politici e didattici. Mentre Emilio Lastrucci, dell’Unibas, nonché presidente dell’Associazione Pedagogica Italiana (As.Pe.I.) si soffermerà sul motto “I care” e dei risvolti: partecipazione attiva, impegno civile e solidarietà.
SergioTanzarella, della Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale (PFTIM) tratterà dell’eredità stimolante e controversa di Don Milani, tra polemiche ideologico-religiose e questioni filologiche e interpretazione storica. A chiudere la sessione Anna Carfora (della PFTIM) su “La pastorale di Don Milani tra innovazione e profezia”.
Nella mattinata, all’apertura dei lavori, sono previsti i saluti dei rappresentanti istituzionali: la Rettrice dell’Unibas, Aurelia Sole, il Direttore del Dipartimento Scienze Umane-Unibas, Paolo Masullo, il Coordinatore del corso di laurea in Scienze della formazione primaria, Claudio De Luca, la Dirigente USR Basilicata, Claudia Datena, il sindaco di Matera, Raffaello De Ruggeri e il Presidente Fondazione Matera-Basilicata 2019, Salvatore Adduce.
A presiedere la sessione pomeridiana, dedicata a “"Don Milani e noi. Evoluzione e contraddizioni della scuola italiana", saranno Fabrizio D’Aniello, dell’Università di Macerata e Angelo Vecchio Ruggeri, vice-presidente As.Pe.I. In videoconferenza è previsto l’intervento di Luciano Corradini, docente emerito Università Roma Tre.
Momento particolarmente atteso è quello di Paolo Landi (Fondazione don Lorenzo Milani) allievo di don Lorenzo Milani. Il dibattito pomeridiano inoltre si arricchirà degli interventi di: Guido Benvenuto, La Sapienza, Università di Roma (Pierino e Gianni: fra vecchie e nuove disuguaglianze) e Milena Santerini, Università Cattolica del Sacro cuore, Milano (L’eredità di don Milani nella scuola e nella società di oggi).
Venerdì 25 mattina, ad aprire e coordinare i lavori su: “Don Milani e gli ultimi: modello educativo milaniano e processi di inclusione ed esclusione” sarà Donatella Lombello, dell’Università degli Studi di Padova. Previsti i saluti del Vescovo di Matera-Irsina, Antonio Giuseppe Caiazzo, del Presidente della Regione, Marcello Pittella, l’assessore alle politiche agricole e forestali Regione Basilicata, Luca Braia.
A parlare di attualità e inattualità della lezione di don Milani –Dalla parte della coscienza, ovvero di Dio e degli ultimi, il Direttore dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Matera, don Leo Santorsola. Mentre Sandra Chistolini, Università Roma Tre parlerà de La lezione di don Milani agli insegnanti in formazione. Sarà a cura di Angela Pascale, Unibas, la documentazione multimediale su Don Milani e Barbiana, mentre sarà a cura dell’Istituto Luce la proiezione del film-documentario “La scuola di Barbiana”.
La quarta sessione del Convegno sarà dedicata a Don Milani e alla questione della lingua. A moderare l’attività Daniela Vetri, As.Pe.I. Catania e Giuseppe Serio, Presidente onorario As.Pe.I e Direttore “Qualeducazione”. In videoconferenza Rocco Postiglione, Università Roma Tre per parlare di Don Milani: scrittura collettiva e libertà di espressione nell’era digitale. L’intervento su “Don Milani e la centralità della lingua: la lingua seconda” sarà a cura di Raffaele Spiezia, Università Campania, “Vanvitelli”. Porteranno la loro voce anche i laureati e laureandi dell’Unibas sull’esperienza della visita-incontro a Barbiana nei mesi scorsi. Sarà presentata anche la mostra fotografica con la proiezione di un filmato.
Infine, a chiudere il Convegno una Tavola rotonda, coordinata da Mirella Rossi, As.Pe.I. Roma e Gabriella Aleandri, Università di Roma Tre, su: "L'internazionalismo di Don Milani tra globalizzazione, migrazioni e scambi internazionali. Nuove opportunità o tradimento?".
Dall’Università di Foggia, Franca Pinto Minerva per parlare “Gli ultimi e gli esclusi: la parabola di un cinquantennio”. Concetta Sirna, dell’Università degli studi di Messina affronterà “Innovazioni metodologico-didattiche della proposta milaniana”.
Infine, in videoconferenza Massimiliano Fiorucci, dell’Università Roma Tre per parlare di: “Immigrazione e nuovi esclusi”.
Inoltre, fuori programma, è previsto l’intervento di Michele Pinto, Dirigente scolastico emerito e attualmente formatore alla New Form potentina, per presentare un suo scritto fresco di stampa su “Don Lorenzo Milani. L’attualità dell’impegno e del messaggio a 50 anni dalla sua scomparsa”.
Le conclusioni del convegno internazionale saranno a cura di don Leo Santorsola (direttore ISSR di Matera) e del presidente As.Pe.I. Emilio Lastrucci (Unibas).
Il Convegno, rivolto principalmente a studenti universitari, studenti degli istituti superiori, dirigenti scolastici, docenti di ogni ordine e grado e, più in generale, a tutti i professionisti della formazione, garantirà l’attestato valido ai fini della formazione/aggiornamento, mentre per gli studenti del Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria che parteciperanno al convegno è previsto il riconoscimento di 12 ore di tirocinio indiretto.

Bas 05


Categorie: Notizie Basilicata

Filcams, Fisascat e Uiltucs: stato agitazione a San Carlo e Crob

Basilicatanet - Lun, 21/05/2018 - 18:40
"Rischia di diventare una polveriera sociale il settore degli appalti pubblici in sanità. Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil di Basilicata - si legge in una nota -  hanno proclamato lo stato di agitazione dei circa 360 addetti ai servizi di pulizia e ausiliariato all’Ospedale San Carlo e al Crob, dopo che nei giorni scorsi le stesse organizzazioni sindacali avevano proclamato lo stato di agitazione di altri 200 lavoratori circa impegnati nelle strutture sanitarie dell’Asp. La decisione dei sindacati è arrivata a seguito delle infruttuose riunioni con le direzioni dei due nosocomi nelle quali è emerso – denunciano i sindacati - un taglio del 30 per cento del monte ore, taglio che mette a rischio secondo i sindacati occupazione e salari. Stiamo parlando di lavoratori inquadrati prevalentemente con contratti part time a meno di 18 ore settimanali che rischiano di perdere il posto di lavoro o di vedere ulteriormente ridotta la propria busta paga.
Nel mirino di Filcams Fisascat Uiltucs finiscono la stazione unica appaltante e la stessa Regione Basilicata, accusata dalle tre sigle sindacali di non vigilare come dovrebbe sul rispetto delle leggi, dei capitolati d’appalto e dei contratti nazionali di lavoro. I sindacati, che avevano denunciato criticità sugli appalti già nel 2015, contestano in particolare le modalità di assegnazione dei lavori che non tengono conto del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa stabilita nei capitolati, col risultato paradossale che di fatto i lotti vengono assegnati secondo il tradizionale criterio del massimo ribasso con la conseguente compressione dei diritti dei lavoratori.
Filcams, Fisascat e Uiltucs, nel rivendicare la convocazione urgente di un tavolo di confronto regionale su tutta la partita degli appalti pubblici e la costituzione della task force ad hoc promessa dall’assessore regionale alla Salute, Flavia Franconi, e mai implementata, invocano il rispetto delle regole, a maggior ragione in un settore particolarmente delicato, quale quello della sanità, che impone standard di qualità rigorosi a tutela della salute dei cittadini e degli utenti dei servizi sanitari".

Bas 05


Categorie: Notizie Basilicata

Uil Fpl:Servizi sociali, Comuni non pagano, cooperative a rischio

Basilicatanet - Lun, 21/05/2018 - 18:17
"Abbiamo deciso di mettere nero su bianco rabbia e disperazione. I lavoratori delle cooperative sociali Effe, consorziata con il Consorzio C.S. ed ISKRA da mesi senza regolare stipendio non ne possono più e - si legge in una nota della segreteria regionale Uil Fpl -  ci hanno chiesto di scrivere ai sindaci dei comune di Senise e Chiaromonte ed al Prefetto di Potenza. Riportiamo qui di seguito la lettera:
“Illustrissimo Prefetto di Potenza ed Egregi Sindaci di Senise e Chiaromonte, la drammatica situazione economica vissuta da troppo tempo dagli operatori delle cooperative EFFE consorziata con il Consorzio CS ed ISKRA, è diventata ormai insostenibile e inaccettabile. Chiedere a queste famiglie, che sopportano sette mesi di stipendi arretrati, di continuare ad accettare ulteriori rinvii ed incertezze nei futuri pagamenti, ci sembra francamente avere superato abbondantemente i limiti del rispetto della dignità delle persone e dei lavoratori. Come ben noto all’amministrazione, sono diversi i mandati di pagamento che interessano i crediti maturati dalle suddette Cooperativa nel corso di questi ultimi mesi.
Malgrado le rassicurazioni ricevute nel mese di aprile, la situazione non è assolutamente variata. Ad oggi, quindi, sono ancora numerose le mensilità arretrate spettanti ai lavoratori, per le quali, a fronte di una serie di mandati di pagamento effettuati dalla Regione Basilicata, non abbiamo nessuna prospettiva di versamenti a breve scadenza, ma solo vaghe informazioni sulla mancanza di liquidità da parte del Comune di Senise per la mancata corresponsione della compartecipazione da parte di altri Comuni. Queste risposte non le riteniamo accettabili in quanto consapevoli che i fondi destinati a tali servizi sono vincolati per legge e riservati al pagamento delle spettanze agli enti aggiudicatari e non per far quadrare i bilanci dei Comuni. Non le possiamo accettare, ancor di più, in quanto lavoratori che, pur garantendo con estremo sacrificio e impegno personale i servizi e gli impegni presi principalmente con le famiglie e gli utenti, non riescono più ad affrontare le spese per la sopravvivenza delle loro famiglie, ormai vicinissime al collasso economico.
Sollecitiamo, pertanto, un Vostro immediato intervento per una risoluzione strutturale e non “episodica” dei gravi problemi finanziari ed economici vissuti dalle cooperative in questione. Queste, pur essendo virtuose realtà economiche e sociale del territorio, rischiano, loro malgrado, il fallimento e la chiusura con il conseguente licenziamento di decine di educatori, psicologi, pedagogisti, assistenti sociali, esperti, tutti sentinelle dello Stato e della legalità nei Comuni dell’entroterra della Regione Basilicata. In assenza di risposte immediate e concrete la UIL FPL assieme ai lavoratori delle Cooperative EFFE ed ISKRA dichiareranno lo stato di agitazione riservandosi di avviare adeguate azioni di protesta”.

Bas 05

Categorie: Notizie Basilicata

Braia: Biodiversità, ritorno al passato ma innovando per il futuro

Basilicatanet - Lun, 21/05/2018 - 17:48
“Ripartire dalle scuole agrarie è decisivo oggi per capitalizzare tutto il lavoro fatto per tutelare le nostre tipicità. Il ritorno al passato è la scommessa per il futuro. L’equazione è quella di avere cibo sicuro e che fa bene alla salute. Una equazione che si risolve in chiave moderna recuperando la tradizione e la biodiversità straordinaria che possediamo ma utilizzando la tecnologia, l’innovazione e la ricerca nella chiave della sostenibilità.”
Lo ha dichiarato l’assessore alle Politiche Agricole e Forestali Luca Braia, nella giornata Giornata regionale della biodiversità agricola e alimentare svoltasi presso l’Istituto Agrario di Marconia.
“Un messaggio chiaro - ha continuato Braia - quello che voglio lasciare a voi studenti e studentesse. Non possiamo prevedere futuro più roseo per la nostra agricoltura di quello che affidiamo a giovani consapevoli, formati e informati ed è il più grande investimento che stiamo facendo come regione Basilicata. Giovani, Biologico, Ricerca anche attraverso il recupero delle varietà autoctone dentro il sistema della biodiversità, che sono quelle che ci consentono di affrontare i cambiamenti climatici con capacità di resistenza per avere produzioni che siano all’altezza.
L’agricoltura del futuro è quella che saprà rispettare l’ambiente e recuperare le nostre tradizioni, innovando: questa è la visione che stiamo mettendo in campo attraverso politiche che utilizzano le risorse disponibili. La Regione Basilicata già da tempo attua azioni di tutela e valorizzazione della biodiversità, siamo infatti il territorio che ha la percentuale di ambiente e aree protette più tutelato di tutta Italia. Dobbiamo ora saper portare le caratteristiche straordinarie dei prodotti della nostra terra su mercati nazionali e internazionali che sempre più oggi ci riconoscono qualità e identità.
Abbiamo immaginato insieme una serie di appuntamenti nei quali illustrare agli studenti, futuri tecnici il ruolo strategico della biodiversità di interesse agricolo. La conservazione e la tutela sono importantissime nell’ambito dei programmi di selezione genetica, anche alla luce di importanti cambiamenti climatici o di variazioni di condizioni socio-culturali ed economiche che non devono far trovare il comparto impreparato ad affrontarli.
Non potevamo scegliere giornate migliori per consegnare gli attestati di assaggiatori olio extravergine di oliva, corso di primo livello, tenuto dal panel regionale di assaggio agli studenti e alle studentesse del Tecnico Agrario di Marconia, così come per gli studenti del Professionale per l’Agricoltura di Sant’Arcangelo, trattandosi di una formazione volta a fornire competenze professionali ulteriori a chi ha scelto l’agricoltura come campo di studi e per il proprio futuro, nel quale poter applicare la conoscenza puntuale dei nostri prodotti per le proprietà organolettiche, per la qualità e per come vanno presentati e usati in una corretta alimentazione che fa della dieta mediterranea e quindi dell’Olio Evo nello specifico, uno dei suoi pilastri.
Come Dipartimento Agricoltura, con il direttore Francesco Pesce e l’Adg Vittorio Restaino abbiamo simbolicamente scelto questa giornata dedicata alla biodiversità perché i progetti potessero finalmente prendere ufficialmente avvio dopo la pubblicazione della graduatoria definitiva. Sono stati consegnati i decreti di concessione agli 11 progetti di di studio, conservazione, valorizzazione e ricerca sulla agrobiodiversità beneficiari della Misura 10.2 del Per Basilicata 2014-2020 che stanzia 2,2 milioni di euro coinvolgendo oltre 150 partner tra enti di ricerca pubblici e privati, agricoltori e allevatori custodi, comuni e vari altri soggetti.
Infine - ha concluso Braia - ci inorgoglisce ulteriormente che l’azienda La Garavina di Terranova del Pollino (PZ), inserita nell’elenco regionale dei custodi della biodiversità e componente del Comitato Operativo della Comunità del Cibo lucana, racconta oggi a Roma l’esperienza della “Comunità del cibo e della Biodiversità di interesse agricolo e alimentare dell’Area Sud della Basilicata” (Pollino-Lagonegrese) nell’ambito della Sessione dedicata alle esperienze rilevanti e buone pratiche di sviluppo rurale a favore della biodiversità nei siti Natura 2000 e nelle aree protette al seminario “Natura 2000, Aree Protette e Agricoltura Sostenibile” organizzato da Rete Rurale Nazionale 2014 2020. Sono tre le aziende selezionate come migliori pratiche, La Garavina è l’unica azienda del sud Italia.”

Bas 05


Categorie: Notizie Basilicata

Uil Fpl Basilicata, domani a Picerno il V Congresso

Basilicatanet - Lun, 21/05/2018 - 16:14
Si svolgerà domani 22/05/2018,con inizio ore 9.00, presso l’hotel Bouganville di Picerno, il V Congresso della UILFPL di Basilicata, al quale parteciperanno oltre 250 delegati, provenienti da tutta la regione. Il Congresso, che sarà introdotto da una relazione del Segretario Regionale, Antonio Guglielmi, affronterà le problematiche più scottanti che interessano i lavoratori dei dipendenti degli Enti Locali, della Sanità pubblica e privata e del terzo settore, a partire dalla sottoscrizione dei nuovi Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro della Sanità e delle Autonomie Locali. Nel corso dell’assemblea congressuale, si farà anche il punto sul riordino della “Governance” regionale e sulla riorganizzazione del sistema Socio-Sanitario. Il Congresso sarà anche l’occasione per dibattere gli aspetti organizzativi di una categoria che nelle ultime elezioni per il rinnovo delle R.S.U. si è confermata largamente come la I Organizzazione con il 33% dei consensi a fronte di una partecipazione al voto che ha sfiorato il 90%. Nel corso dei lavori che saranno coordinati dal Segretario Provinciale di Matera, Franco Coppola, sono previsti gli interventi del Presidente della Regione,Marcello Pittella e del Segretario Generale della UIL di Basilicata,Carmine Vaccaro. Concluderà i lavori il Segretario Generale Nazionale, Michelangelo Librandi.
Categorie: Notizie Basilicata

Nova Siri: il 25 maggio si presenta il rapporto su sussidiarietà

Basilicatanet - Lun, 21/05/2018 - 16:12
Il Rapporto Sussidiarietà e... giovani al Sud sarà presentato in Basilicata a Nova Siri venerdì 25 maggio 2018 alle ore 18 presso l’oratorio della Parrocchia S. Antonio di Padova, vle Siris.
Dopo i saluti del Mons.  Vincenzo Orofino, vescovo di Tursi – Lagonegro, è prevista l’introduzione di Domenico Viola, docente di statistica presso l’Università degli studi di Bari Aldo Moro e la presentazione del rapporto a cura di Sabrina Spallini, docente di economia aziendale sempre presso l’Università degli studi di Bari Aldo Moro. Interverranno, inoltre, Marcello Pittella, presidente della Regione Basilicata, Angelo Colombini, segretario confederale Cisl, Cosimo Latronico, presidente Associazione Mezzogiorno/Europa. Concluderà i lavori il presidente della Fondazione per la sussidiarietà Giorgio Vittadini.
"Il Rapporto Sussidiarietà e... giovani al Sud propone - si legge nella nota della Fondazione - una lettura originale dei problemi e delle opportunità di sviluppo del Meridione d’Italia. Le difficoltà sono talmente radicate nel tempo e numerose, che individuare linee di intervento efficaci appare una missione davvero difficile. Vi è però un elemento che emerge per importanza e che può ancora coinvolgere e appassionare tutti: la possibilità concreta per i giovani del Mezzogiorno di costruire il proprio futuro e il loro territorio. Da questa possibilità scaturisce l'opzione strategica di fondo espressa nella presente indagine: investire sui giovani e sul loro capitale umano.
Per perseguire adeguatamente tale opzione occorre innanzitutto una “scossa”, un cambiamento del punto di vista: il Sud Italia non più periferia, bensì, secondo un’intuizione secolare e un dato geografico, centro. In particolare, il centro di una delle aree di maggiore interesse al mondo, il bacino del Mediterraneo.
E, con tale cambiamento del punto di vista, occorre anche un radicale mutamento del modello di sviluppo, che deve essere sostenibile, sussidiario, e deve far leva su “attori sistemici”, soggetti capaci di catalizzare intorno a sé altri attori – pubblici, privati, profit e non profit – nei diversi settori e livelli di governance, nell’interesse dell’intero sistema.Questa è la strada per un Mezzogiorno protagonista: ne deriverà un beneficio per tutto il Paese".

Categorie: Notizie Basilicata

Potenza,Ugl: il 23 maggio II° Congresso provinciale metalmeccanici

Basilicatanet - Lun, 21/05/2018 - 16:01
Mercoledì, 23 maggio p.v., presso la Sala ‘A’ del consiglio Regionale della Basilicata, con inizio dalle ore 10,15, si svolgerà il II° Congresso Provinciale dei metalmeccanici di Potenza. 
Lo comunica con una nota l’ufficio stampa dell’Ugl Basilicata.
“Industria 4.0, per un nuovo modello di sviluppo’ è il titolo che porterà  il congresso per la scelta del nuovo segretario della federazione che guiderà i metalmeccanici di Potenza per i futuri quattro anni. Interverranno: il reggente provinciale Giuseppe Palumbo, la segretaria regionale Florance Costanzo, il segretario regionale Industria Giuseppe Giordano, i dirigenti provinciali federali e il segretario della confederazione Basilicata, Giovanni Tancredi. E’ prevista la partecipazione di segretari federali e confederali dell’Ugl nazionale generale.
Presiederà e concluderà i lavori, il segretario nazionale generale dell’Ugl metalmeccanici, Antonio Spera.


Categorie: Notizie Basilicata

Vicenda Spadola, sinergia tra Comune di Ruoti e Regione

Basilicatanet - Lun, 21/05/2018 - 15:57
“Messo in sicurezza il passaggio pedonale della "famosa" passerella Avriola di Ruoti  che collega l’abitazione della famiglia Spadola alla principale via di comunicazione della zona. I lavori di ripristino e manutenzione permettono la migliore percorribilità pedonale del tratto interessato,su cui ricordiamo insiste il divieto di transito”.  Lo ha comunicato il sindaco di Ruoti Anna Maria Scalise evidenziando che la somma di 162 mila euro, impegnata già da diversi anni da parte della Regione Basilicata, per l’esecuzione dei lavori di rifacimento totale del ponte, non è sufficiente. Il Comune, unitamente alla Regione-Dipartimento infrastrutture, opere pubbliche e mobilità, sta verificando soluzioni alternative e definitive per la risoluzione della problematica della famiglia Spadola.
Nel contempo l'Amministrazione  Comunale ha proposto alla famiglia in oggetto il trasferimento momentaneo nell'abitato di Ruoti, in appartamento ammobiliato, per il periodo necessario per l'esecuzione dei lavori, al fine di agevolare il più possibile gli Spadola.
Il Sindaco Scalise ha fatto visita personalmente  alla famiglia, insieme al consigliere De Carlo Rosario e all'Assessore Damiano Angelo. Dall'incontro è emersa la non volontà della famiglia al trasferimento momentaneo, e l'impegno della stessa all'utilizzo del ponte ad uso esclusivamente pedonale. Nei giorni scorsi, il Sindaco Anna Maria Scalise ha accompagnato l'Assessore Regionale alla viabilità, Carmine Miranda Castelgrande, per il sopralluogo al fine di verificare la realizzazione di una strada alternativa all'utilizzo del ponte; presenti gli assessori comunali ai Lavori Pubblici e all'Ambiente Rocco Carlucci e Angelo Damiano, l’Ingegnere Rosario Famularo responsabile UTC del Comune di  Ruoti ed il geometra Troiano.
“Solo attraverso una cooperazione e condivisione del problema e delle soluzioni potremmo crescere e realizzare concretamente i progetti che l’Amministrazione comunale cerca di portare avanti- ha dichiarato il Sindaco Anna Maria Scalise”.
Categorie: Notizie Basilicata

Picerno, questa sera presentazione libro di Oreste Lo Pomo

Basilicatanet - Lun, 21/05/2018 - 15:50
Questa sera, alle ore 19.00, nella casa delle Associazioni "Angela Cappiello" (ex Ospedaletto di Via Piacenza) a Picerno, viene presentato l'ultimo libro di Oreste Lo Pomo "Malanni di stagione", su iniziativa dell'Amministrazione Municipale e l'Associazione "Letti di sera".
Interverranno il Sindaco di Picerno, Giovanni Lettieri, l'assessore al turismo, Nicola Figliuolo, il presidente di "Letti di sera" Paolo Albano.
Dialogheranno con l'autore Simona Bonito (Letti di sera) e Erika Marcantonio, docente filosofa.


Categorie: Notizie Basilicata

Pagine

Please configure this section in the admin page