Notizie Basilicata

Microcredito, la Misura presentata oggi a Venosa

Basilicatanet - Ven, 15/11/2019 - 18:07
Continua il tour di presentazione della Misura Microcredito FSE della Regione Basilicata gestita da Sviluppo Basilicata che oggi ha fatto tappa a Venosa, Città d’Orazio.  L’incontro si è svolto nella cornice del Castello di Pirro del Balzo. “I settori del turismo, della cultura, il vitivinicolo, la corsetteria ma anche quello manifatturiero sono perni importanti delle economie di queste zone, vanno continuamente monitorati e per ciascuno individuate nuove opportunità di business” queste le parole dell’Amministratore unico di Sviluppo Basilicata, Gabriella Megale. “Se è vero che abbiamo imparato a dimenticare il posto fisso - continua la Megale- e’ altrettanto vero che per inventarsi un lavoro bisogna essere curiosi e appassionati. Pertanto, dico a chi è in difficoltà e vuole uscire da uno stato di lavoro precario, di guardarsi intorno e di trovare nuove opportunità e perseguirle con un pizzico di follia e tanta passione. Oggi avete anche un aiuto in più: 25 mila euro per avviare e far partire la vostra attività o per trasformare la vostra passione in impresa. Sviluppo Basilicata - conclude l’Amministratore unico - sostiene le persone e i territori, siamo a vostra disposizione”.
L’assessore alle Attività produttive, Lavoro, Formazione, Sport della Regione Basilicata, Francesco Cupparo, impossibilitato a partecipare all’incontro ha fatto sapere: “Quello che oggi vi presentiamo è il bando del Microcredito che sto sostenendo in prima persona attraverso questa promozione “diffusa” perché credo che sia uno strumento davvero capace di cambiare la percezione di sconfitta e disagio in cui versano molte persone. Mi riferisco in particolare a chi di voi è in difficoltà perché ha perso il lavoro o perché, nonostante un titolo di laurea o buone capacità, ha difficoltà a trovarlo. A beneficiare del Microcredito infatti saranno soprattutto disoccupati ma anche gli enti già occupati nel terzo settore che potranno rafforzare la loro attività o crearne una nuova. Questo bando è proprio rivolto a voi. Oggi avete 25 mila euro che vi possono permettere di partire subito con il vostro sogno, e di combattere la vostra atavica situazione di disagio. Con 25 mila euro - spiega Cupparo - potrete comprare l’attrezzatura o i servizi necessari al vostro avviamento senza fornire alcun tipo di garanzia. Questo perché il bando valuta il merito di ciascuna iniziativa e non la capacità economica del proponente. In più avrete dalla vostra parte anche il rapido tempo di accesso al finanziamento di massimo 60 giorni, garantiti da me e da Sviluppo Basilicata.
Quindi, anche se non sono presente, spero arrivi comunque il mio entusiasmo e sono certo che lo stesso saprà infondere anche Sviluppo Basilicata avvicinandovi a questa opportunità ma anche alle altre messe a disposizione della Regione” ha concluso l’assessore.
Il responsabile della misura per Sviluppo Basilicata, Vito Pinto, ha illustrato le modalità d’accesso al Microcredito rispondendo alle domande del pubblico. Il prossimo appuntamento si terrà a Stigliano (MT) lunedì 18 novembre.

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Fal Matera, Merra: “Piena intesa istituzionale”

Basilicatanet - Ven, 15/11/2019 - 17:18
La Regione Basilicata ha concordato con le Fal e con il Comune di Matera un sistema tariffario, che sarà approvato in una delle prossime sedute della giunta regionale e che agevolerà la fruizione del servizio metropolitano. Un collegamento ferroviario giornaliero con diverse coppie di treni permetterà inoltre di servire l’intera città da Matera Serra Rifusa a Matera Sud, includendo anche la stazione di Matera Centrale.
È quanto emerso al termine di una riunione in Regione alla quale hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore regionale alle Infrastrutture, Donatella Merra, il sindaco di Matera, Raffaello de Ruggieri ed il direttore generale della Ferrovie Appulo Lucane (Fal), Matteo Colamussi.
“Abbiamo trovato - ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture, Donatella Merra - una soluzione positiva per quanto riguarda il trasporto urbano nella città di Matera. Consideriamo questo primo obiettivo - ha aggiunto - il frutto di una corretta interlocuzione finalizzata ad ottimizzare le risorse disponibili con le esigenze di percorrenza e con le necessità, sia dei turisti, sia dei tanti avventori, di vivere la città di Matera senza l’assillo dell’automobile. Una più corretta gestione del trasporto urbano a Matera sarà un nostro obiettivo in divenire man mano che avremo contezza della disponibilità delle risorse e dati sull’utilizzo dei servizi che andremo a sperimentare”.
“Abbiamo chiuso finalmente, con la definizione delle tariffe e con l’imminenza della delibera della giunta regionale - ha detto il sindaco di Matera, Raffaello de Ruggieri - una questione che era ancora in sospeso. Tutto questo ci consentirà di poter indirizzare il pendolarismo ferroviario Bari-Matera in questo segmento metropolitano Serra Rifusa-Centro di Matera. Tali risultati si realizzano quando si trova l’intesa fra istituzioni che decidono di dialogare in maniera umana e aperta dando vita ad un’alleanza forte come quello suggellata oggi tra Regione Basilicata, Matera e Fal.
“Oggi rilanciamo una sinergia istituzionale - ha sottolineato il direttore generale della Fal, Matteo Colamussi - che non è fatta solo di inaugurazioni, ma che è strategica e che ci auguriamo possa durare nel tempo nella sua concretezza nel dare sostegno al diritto alla mobilità dei lucani e dei tanti turisti che affollano quotidianamente la Città dei Sassi. Vogliamo con grandissimo piacere mettere in evidenza l’impegno della Regione Basilicata, a partire dall’assessore alle Infrastrutture e alla Mobilità, Donatella Merra, che ha dato un contributo importante alla conclusione di questa fase, ma anche del Comune. Si concretizza una delle tante operazioni che il governo Bardi ha messo in atto per la popolazione della Basilicata”.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Immigrazione, individuare presto i siti per centri accoglienza

Basilicatanet - Ven, 15/11/2019 - 16:30
Per dare risposte concrete alle esigenze degli imprenditori e dei lavoratori occupati nella filiera della campagna del pomodoro e nelle raccolte stagionali del Metapontino, saranno individuati, in tempi rapidi, più siti da destinare a Centri di accoglienza per i lavoratori extracomunitari. E’ quanto deciso dal Coordinamento per le Politiche dell’Immigrazione, in un incontro tenutosi nella sala Verrastro del Palazzo della Giunta regionale.
Alla riunione del Coordinamento, presieduto dal governatore Vito Bardi ma rappresentato oggi dal consigliere regionale Piergiorgio Quarto, sono intervenuti il prefetto di Potenza, Annunziato Vardè, e il prefetto di Matera, Demetrio Martino, l’Autorità di gestione del Pon Legalità del ministero dell’Interno, Valentina D’Urso, una rappresentanza dei Comuni dell’Alto Bradano composta dai sindaci di Lavello, Sabino Altobello, di Banzi, Pasquale Caffio, di Venosa, Marianna Iovanni,  di Palazzo San Gervasio, Michele Mastro, e i direttori generali regionali che ne fanno parte.
Nell’incontro, in particolare, si è discusso delle modalità di utilizzo del Fondo Pon Legalità, messo a disposizione della Regione Basilicata per la riqualificazione del patrimonio pubblico da destinare all’accoglienza dei lavoratori migranti.
Date le scadenze previste dal Pon Legalità finanziato con fondi comunitari, è stato sottolineato durante la riunione, bisogna accelerare i tempi e indicare entro un mese, con la condivisione dei territori, i siti da organizzare attraverso strutture mobili o la riconversione di strutture già esistenti, in modo da combattere il caporalato e offrire ai lavoratori servizi dignitosi. 

bas 02

Categorie: Notizie Basilicata

Acquedotto lucano, si al progetto per le reti idriche del Vulture

Basilicatanet - Ven, 15/11/2019 - 15:19
Prosegue l’azione di Acquedotto lucano di ottimizzazione e miglioramento nella gestione della risorsa idrica sul territorio. Nei giorni scorsi – informa una nota dell’Ente -, è stato, infatti approvato il progetto esecutivo relativo al “Ripristino della funzionalità del serbatoio di San Nicola di Melfi e del relativo schema di adduzione, sistemazione delle reti idriche a servizio degli abitati di Montemilone e Palazzo San Gervasio” che prevede un finanziamento con fondi nazionali per un importo pari ad € 1.275.000,00.

Si tratta del primo stralcio del più ampio intervento relativo ai “Lavori di potenziamento ed ottimizzazione delle opere di alimentazione alternativa dello Schema Vulture servito dall’Acquedotto del Sele - Calore, alla luce dei nuovi fabbisogni civili, agricoli ed industriali” per il quale con DGR n. 1117/2015 la Regione Basilicata, nell’ambito della riprogrammazione degli FSC 2007-2013 e FAS 2000-2006, ha individuato Acquedotto Lucano quale soggetto attuatore. Non avendo trovato nel tempo copertura finanziaria nei bilanci regionali, grazie al supporto del Distretto Idrografico dell’Appennino Meridionale, il progetto è rientrato tra le opere meritevoli di finanziamento nel Piano degli Invasi, approvato con DPCM del 17 aprile 2019. L’intervento, grazie alle proficue interlocuzioni intercorse con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stato suddiviso in tre lotti funzionali per un importo totale di 4 M€.

“Si tratta di un progetto di particolare importanza - afferma Giandomenico Marchese, amministratore unico di Acquedotto Lucano - che permetterà, attraverso il potenziamento del sistema di adduzione e delle reti idriche negli abitati interessati una migliore gestione del flusso idrico e l’ottimizzazione delle risorse disponibili a beneficio della comunità. L’intervento consentirà il funzionamento ottimale del nodo idraulico di San Nicola di Melfi alla luce dei nuovi fabbisogni idrici per le utenze civili, agricole ed industriali dell’area e del mutato bilancio idrico dello schema Vulture. Ancora una volta - prosegue Marchese - si è rivelata fondamentale la collaborazione e l’attenzione verso le problematiche del territorio inerenti la gestione del servizio idrico integrato della pubblica amministrazione a vario titolo coinvolta e la condivisione di soluzioni che consentiranno al gestore di assicurare con continuità la distribuzione della risorsa idrica e superare i deficit strutturali delle reti e degli impianti delle zone interessate, rispondendo all’obiettivo di offrire agli utenti una prestazione quanto più efficiente e minimizzare i disagi che possono verificarsi nella gestione del territorio”. 
Categorie: Notizie Basilicata

Rotonda ospita la XII Giornata della biodiversità regionale

Basilicatanet - Ven, 15/11/2019 - 13:07
La XII Giornata della Biodiversità regionale si terrà lunedì 18 novembre a Rotonda. L’Alsia, l’Agenzia lucana di sviluppo e innovazione in agricoltura, nell’ambito del progetto “FiNoPom”, finanziato dalla misura 10.2 Agrobiodiversità del Psr 2014-2020, apre le porte della propria Azienda agricola sperimentale “Pollino” per una serie di iniziative che pongono al centro dell’attenzione le varietà frutticole e orticole di interesse agrario a rischio di estinzione. Lo rende noto l’Alsia in una nota.
Nel corso della giornata, il convegno su “Caratterizzazione e conservazione di fico, nocciolo, melo e pero della Basilicata” sarà l’occasione per parlare di rete della biodiversità di interesse agrario e dello stato di attuazione della legge 194 del 2015: anagrafe delle varietà, portale, rete, piano nazionale della biodiversità di interesse agricolo e alimentare. Sarà fatto il punto anche sui primi risultati della caratterizzazione genetica e bioagronomica di antichi fruttiferi della Basilicata e sulla loro conservazione e diffusione sul territorio. Nel corso dell’incontro, inoltre, spazio ad approfondimenti sui “rifugi bioculturali” per combattere le diversità negli agroecosistemi e sulle norme per la diffusione delle varietà da Biodiversità. E ancora, interventi sull’importanza delle Comunità del cibo a servizio del patrimonio naturale e culturale e delle esperienze didattiche relative alla biodiversità di interesse agricolo e alimentare.
Al termine dell’incontro sarà assegnato il “Premio Enzo Laganà”, il riconoscimento indetto dall’Alsia giunto alla IX edizione, per il miglior agricoltore custode della Basilicata nel 2019.
Per l’intera giornata, sarà possibile visitare la mostra della biodiversità agricola del Pollino, effettuare lo scambio dei semi di antiche varietà di interesse agricolo a rischio di estinzione e partecipare ai laboratori della biodiversità di interesse agricolo e alimentare.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Agricoltura, Fanelli: “In arrivo otto milioni per aree interne”

Basilicatanet - Ven, 15/11/2019 - 11:18
In arrivo fondi per le Aree interne della Basilicata. Su proposta dell’assessore alle Politiche agricole, Francesco Fanelli, la giunta regionale ha infatti approvato il Bando Sottomisura 4.3.1 “Viabilità rurale ed acquedotti rurali” - Avviso speciale Aree interne di Montagna Materana e Mercure-Alto Sinni-Valsarmento, mettendo a disposizione risorse nell’ambito del Programma di Sviluppo rurale (Psr) 2014-2020, pari ad 8 milioni e 150 mila euro. Il provvedimento - pubblicato nell’ultimo numero speciale del Bollettino ufficiale della Regione Basilicata - è rivolto alle amministrazioni comunali che intendano presentare progetti per la realizzazione di infrastrutture necessarie “al mantenimento e allo sviluppo dell’agricoltura nella sua prevalente funzione produttiva, nonché in quella paesaggistica ed ambientale”. Per promuovere l’avviso è già partito oggi - 15 novembre - l’affiancamento tecnico per le amministrazioni comunali delle aree interessate, negli uffici del Dipartimento Politiche agricole della sede regionale di Senise. Tecnici e amministratori dei 27 comuni avranno modo di “prendere le misure” dell’avviso insieme ai funzionari e agli esperti dell’Ufficio Autorità di gestione del Psr. I Comuni destinatari del provvedimento sono 27 in tutto: 8 per l’Area interna Montagna Materana (Accettura, Aliano, Cirigliano, Craco, Gorgoglione, Oliveto Lucano, San Mauro Forte, Stigliano);19 per il comprensorio Mercure-Alto Sinni-Valsarmento (Calvera, Carbone, Castelluccio Inferiore, Castelluccio Superiore, Castronuovo di Sant’Andrea, Cersosimo, Chiaromonte, Fardella, Francavilla in Sinni, Noepoli, Rotonda, San Costantino Albanese, San Giorgio Lucano, San Paolo Albanese, San Severino Lucano, Senise, Teana, Terranova di Pollino, Viggianello). Agli 8 Comuni della Montagna Materana sono destinati 2,2 milioni di euro, mentre 5 milioni e 950 mila euro sono rivolti ai 19 centri dell’altra Area interna rientrante nel bando. “Nelle zone più interne - ha commentato l’assessore Fanelli - l’inadeguatezza della viabilità rurale e le insufficienti disponibilità idriche limitano spesso lo svolgimento delle attività agricole o di trasformazione agroalimentare. Da qui la decisione di destinare alle infrastrutture pubbliche maggiori risorse Feasr, aggiuntive rispetto a quelle ordinariamente destinate dal Piano di sviluppo rurale (Psr), per un valore pari al 7 per cento della dotazione delle misure strutturali e con l’intento di contrastare i fenomeni di marginalizzazione e de-antropizzazione. La scelta di assicurare l’assistenza tecnica ai beneficiari del bando direttamente negli uffici dipartimentali di Senise - ha concluso - rientra in una strategia già avviata e finalizzata ad aumentare occasioni di confronto con il territorio, operando anche per minimizzare l’isolamento non solo fisico che vivono alcune comunità”.


  
Categorie: Notizie Basilicata

Violenza donne: 25 novembre a Potenza evento “Quelle come me”

Basilicatanet - Ven, 15/11/2019 - 11:12
“Quelle come me” è il titolo del convegno organizzato dall’ufficio della Consigliera di parità Ivana Pipponzi, in collaborazione con l’Ordine degli avvocati di Potenza e le associazioni ‘Letti di Sera’ e ‘Telefono Donna’, che si svolgerà nel capoluogo lucano il 25 novembre, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, nella sala del Cortile del Museo Archeologico nazionale della Basilicata ‘Dinu Adamesteanu’.
Nel corso della tavola rotonda, aperta dalle ore 16.30, verrà analizzato il delicato fenomeno della violenza contro le donne anche dal punto di vista giuridico. Sarà l’occasione per promuovere e costruire sinergie virtuose tra istituzioni, associazioni e territorio e per avviare un confronto attivo e costruttivo volto a mettere in campo interventi efficaci finalizzati ad accompagnare le donne e le ragazze vittime di violenza.
Nell’occasione verrà presentato il libro “Alda Merini. L’eroina del caos” della scrittrice Annarita Briganti.
A latere delle iniziative verrà illustrato il progetto Wool Women’s Opportunity for the Other Life, fortemente voluto da un gruppo di imprenditrici lucane, che si pone l’obiettivo, attraverso una raccolta fondi, di sostenere economicamente, attraverso l’erogazione di una borsa di studio o lavoro, le donne che in Basilicata hanno subito violenze o maltrattamenti e che per queste ragioni sono state costrette ad abbandonare la casa, gli studi o il lavoro e che attualmente si trovano nei centri anti violenza lucani.
L’oggetto di questa raccolta sarà una sciarpa, con un bottoncino rosso apposto all’estremità, metafora di calore, un oggetto che avvolge, un dono solidale carico di significati simbolici.
Il convivio di studi, in corso di accreditamento presso il relativo Ordine professionale, costituisce evento formativo gratuito per gli avvocati ed è prenotabile mediante il sistema Riconosco.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Virus influenzale: previsti più contagi, Asm invita a vaccinarsi

Basilicatanet - Ven, 15/11/2019 - 09:50
L’Azienda sanitaria del materano (Asm), attraverso una nota, invita tutti i soggetti a rischio ad effettuare la vaccinazione, dal momento che l’Istituto superiore di sanità e le società scientifiche hanno previsto per questa stagione una recrudescenza dell’influenza che annuncia più contagi rispetto agli anni passati.
Il dottor Giulio De Stefano, direttore della Struttura complessa interaziendale Asm-San Carlo di Malattie Infettive, e il dottor Francesco Massimo Romito, responsabile della Terapia intensiva generale dell’Ospedale ‘Madonna delle Grazie’, ribadiscono che le infezioni rappresentano potenziali fattori di rischio intermedi capaci di aumentare la gravità delle singole patologie e la vaccinazione rappresenta lo strumento di profilassi più efficace, in grado di ridurre la morbilità e la mortalità nelle popolazioni più deboli.
La vaccinazione stagionale e antipneumococcica, come già comunicato dal dottor Espedito Moliterni, direttore del Dipartimento Prevenzione, igiene e sanità pubblica, si può effettuare in tutti gli uffici sanitari dell’Asm e anche negli studi dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta.
La vaccinazione stagionale – fanno sapere dall’ufficio stampa dell’Asm – è prioritaria per i cittadini di età pari o superiore ai 65 anni e per i bambini di età superiore ai 6 mesi, ragazzi e adulti affetti da malattie croniche a carico dell'apparato respiratorio (incluso l'asma, la displasia broncopolmonare, la fibrosi cistica e la broncopatia cronico-ostruttiva), malattie dell'apparato cardio-circolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisite, da diabete mellito e altre malattie metaboliche, malattie renali con insufficienza renale; malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie; tumori; malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV; malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinale; patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici; patologie associate ad un aumentato rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie (ad esempio malattie neuromuscolari).
Devono vaccinarsi con priorità anche bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di sindrome di Reye in caso di infezione influenzale; donne che all'inizio della stagione epidemica (influenza stagionale) si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza; individui di qualunque età ricoverati nelle strutture di lungodegenza; medici e personale sanitario di assistenza; familiari a contatto di soggetti ad alto rischio; soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo; personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani (allevatori, addetti alle attività di allevamento, addetti al trasporto di animali vivi, macellatori e vaccinatori, veterinari pubblici).
I competenti uffici dell'Asm, i medici di medicina generale e i pediatri sono a completa disposizione per ogni ulteriore informazione.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Forestazione, per il 2019 garantiti attività e livelli occupazionE

Basilicatanet - Gio, 14/11/2019 - 19:53
Sono state reperite le coperture finanziarie che consentiranno di proseguire le attività legate alla forestazione e di garantire i livelli occupazionali per il 2019. E’ quanto è emerso nell’incontro presieduto dal governatore lucano, Vito Bardi, con le organizzazioni sindacali. Al tavolo erano presenti gli assessori regionali alle Attività produttive e alle Politiche forestali, Francesco Cupparo e Francesco Fanelli, il consigliere regionale Piergiorgio Quarto, il capo di gabinetto Fabrizio Grauso e i sindacati di categoria Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil di Basilicata, rappresentati da Vincenzo Esposito, Michele Andriulli, Vincenzo Cavallo, Antonio Lapadula e Gerardo Nardiello. 
Sono state affrontate anche le prospettive del settore per il medio e lungo periodo, in particolare gli obiettivi di servizio, la riprogrammazione e il riposizionamento delle attività per il comparto.
“Dobbiamo assegnare – ha detto il presidente Bardi - un ruolo diverso alla forestazione, che rappresenta una risorsa indisponibile per il territorio, che è stato deteriorato, malmesso e danneggiato. Oggi necessita di essere messo in sicurezza in tutti i suoi aspetti, sia morfologici che ecologici. Pertanto non può più esistere una politica improntata su aspetti dozzinali dando tutto a tutti ma dobbiamo arrivare a una forestazione di qualità che sia strategica per il territorio”.

bas 02

Categorie: Notizie Basilicata

Bardi: si adotti stato di emergenza per la Basilicata

Basilicatanet - Gio, 14/11/2019 - 19:36
Il presidente della Regione Vito Bardi ha sentito telefonicamente il ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla situazione di grave emergenza che si è verificata a seguito degli eventi temporaleschi dei giorni scorsi nel Metapontino e nel Materano.
Il presidente Bardi ha evidenziato che interi comparti produttivi sono stati messi in ginocchio. La Regione nei prossimi giorni quantificherà i danni subiti dagli operatori nei vari settori. Il ministro, a nome del governo, ha garantito l’interessamento dell’esecutivo e la vicinanza alle popolazioni colpite dal grave cataclisma. Il presidente Bardi ha chiesto per il tramite del ministro al governo che per la Basilicata venga adottato lo stato di emergenza.
bas 02

Categorie: Notizie Basilicata

Edilizia, Bardi: “Programmazione utile a risollevare settore”

Basilicatanet - Gio, 14/11/2019 - 17:08
“Come istituzione siamo intenzionati a mettere in atto iniziative che riescano a soddisfare le esigenze di un settore in difficoltà come quello dell’edilizia. I problemi non si risolvono con la mera erogazione di fondi, ma con una seria programmazione che determini le condizioni affinché ci sia lavoro e si possa fare impresa. Programmare significa anche individuare la strada per la migliore utilizzazione dei fondi”.
Lo ha detto oggi, a Potenza, il presidente della Basilicata, Vito Bardi, nel corso di un incontro con i rappresentanti sindacali per discutere delle problematiche del settore edile. La riunione era stata richiesta dai rappresentanti delle organizzazioni di categoria in vista della manifestazione nazionale in programma domani per rilanciare il settore delle costruzioni, che in Basilicata si terrà a Brienza, nel piazzale antistante il cantiere “Vittadello”.
Erano presenti all’incontro, per i sindacati, Michele Palma (Fillea-Cgil), Enrico Gambardella (Cisl), Michele La Torre (Filca-Cisl), Vincenzo Tortorelli (Uil) e Carmine Lombardi (Feneal-Uil), i quali hanno illustrato la difficile situazione del settore soprattutto in Basilicata, dove dal 2008 si sono persi circa cinquemila posti di lavoro. Le organizzazioni hanno chiesto al governatore Bardi “di avviare un percorso comune per sbloccare una serie di opere in fase di progettazione o che sono finanziate ma ancora ferme e per garantire così un’opportunità di ripresa al comparto”. Allo stesso tempo i sindacati hanno spiegato di aver scelto il cantiere della Tito-Brienza per la manifestazione “come simbolo di un’opera che è stata sbloccata proprio grazie alla collaborazione con le istituzioni”. La delegazione ha consegnato infine a Bardi un documento con l’indicazione di alcune opere pubbliche che potrebbero essere utili (Distretto G, messa in sicurezza della Basentana e della Potenza-Melfi, raddoppio della Matera-Ferrandina). “Il confronto fra istituzioni e sindacati - ha detto ancora il presidente Bardi - è utile, soprattutto quando si individuano soluzioni concrete. Invito quindi le organizzazioni di categoria a fornirmi un dettagliato elenco di tutte le opere realizzabili o da realizzare nel territorio sulle quali intervenire. Il passo successivo potrebbe essere quello di attivare tavoli tecnici con gli assessorati alle Attività produttive e alle Infrastrutture per una seria programmazione anche delle risorse da impiegare per ridare ossigeno al settore con interventi nel breve e medio periodo”. Il presidente ha annunciato quindi che nei prossimi giorni incontrerà, a Potenza, l’amministratore delegato di Anas, Massimo Simonini. “Nell’occasione - ha evidenziato Bardi - potrebbero essere utili i suggerimenti dei sindacati”.



  
Categorie: Notizie Basilicata

Assessore Rosa avvia tour degli insediamenti industriali lucani

Basilicatanet - Gio, 14/11/2019 - 16:12
“Ho iniziato dalla Ferriere Nord s.p.a. di Potenza, acciaieria del Gruppo Pittini, il mio tour attraverso gli insediamenti industriali lucani per ascoltare le criticità, ove ve ne fossero, e incoraggiare le best practice ambientali”. Ad annunciarlo l’assessore all’Ambiente ed Energia, Gianni Rosa.
“Ho accolto con favore – aggiunge Rosa – il progetto d’investimento della Pittini “Green Steel” che mira ad una maggiore sostenibilità ambientale e che, a pieno regime, dovrebbe superare il livello di tutela ambientale oltre quanto stabilito dalla Commissione Europea. Nei giorni della crisi Ilva in cui si parla di chiusura dell’acciaieria più grande d’Europa, è importante che le istituzioni comprendano che si può fare impresa in modo sostenibile ma che spetta ad esse l’onere di vigilare. È la prima delle visite che mi propongo di effettuare negli insediamenti industriali lucani, sempre più convinto – prosegue – che bisogna uscire dal palazzo, mettersi al lavoro sulle realtà concrete e sapersi confrontare per il bene dei cittadini”.   
Categorie: Notizie Basilicata

Microcredito, una sfida possibile: domani appuntamento a Venosa

Basilicatanet - Gio, 14/11/2019 - 15:51
Continuano gli appuntamenti di Sviluppo Basilicata con il territorio, domani è il turno di Venosa con l’incontro fissato alle ore 16:30 presso il Castello di Pirro del Balzo di Venosa.
Dopo l’appuntamento purtroppo annullato a Matera a causa del maltempo che ha colpito la città e che verrà presto riprogrammato, il tour di presentazione della Misura Microcredito FSE della Regione Basilicata gestita da Sviluppo Basilicata fa tappa nella città di Orazio perché, come annunciato dall’Assessore alle Attività produttive, Lavoro, Formazione, Sport della Regione Basilicata, Francesco Cupparo, nel corso della conferenza stampa alla presenza del Presidente Vito Bardi, “vogliamo raggiungere il maggior numero di persone e soprattutto coloro che vogliono fare impresa in Basilicata e che oggi hanno un valido aiuto”.
La misura consentirà un rapido accesso al finanziamento grazie a tempi di evasione della pratica da parte di Sviluppo Basilicata di massimo 60 giorni. A beneficiarne saranno soprattutto disoccupati ma anche gli enti già occupati nel terzo settore che potranno rafforzare la loro attività o crearne una nuova.
All’incontro saranno presenti l’Assessore alle Attività produttive, Lavoro, Formazione, Sport della Regione Basilicata, Francesco Cupparo, l’Amministratore Unico di Sviluppo Basilicata, Gabriella Megale, il Responsabile della misura per Sviluppo Basilicata, Vito Pinto, che illustrerà le modalità di funzionamento del Fondo con domande e approfondimenti anche dal pubblico. Prevista anche la presenza del Sindaco di Venosa, Marianna Iovanni.
Seguirà a questo le prossime date già programmate di:
- Stigliano lunedì 18 Novembre
- Viggiano venerdì 22 Novembre
- Muro Lucano martedì 26 Novembre.
Mentre verrà a breve data comunicazione degli incontri di Nova Siri, Ferrandina, Matera e Tolve.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Astroturismo, riunione in Regione su valorizzazione cielo notturno

Basilicatanet - Gio, 14/11/2019 - 12:56
Ridurre l’inquinamento luminoso per valorizzare il cielo notturno di aree naturali attraverso la promozione dell’astroturismo.
E’ questo lo scopo del progetto Interreg Europe “Night Light” i cui risultati della prima fase sono stati presentati in Regione nel corso di un incontro, presieduto dal Direttore Generale del Dipartimento Programmazione e Finanze della Regione Basilicata, Domenico Tripaldi, a cui hanno partecipato i referenti dei partner regionali del progetto. Con i referenti regionali, tra i quali: i Comuni di Aliano, Anzi e Castelgrande, gli Osservatori astronomici di Anzi e Castelgrande, Unibas, Sel, Apt, Cnr e Consorzio TeRN, 
si è condivisa una sinergia di intenti al fine di migliorare le politiche regionali per la diminuzione delle luci artificiali sulla bellezza del cielo notturno, con i conseguenti benefici nei confronti di flora e fauna autoctona e dei cittadini lucani.
Oltre la Regione Basilicata e la Fondazione Matera 2019, sono diverse le realtà che vi partecipano a livello europeo. Tra queste, come capofila, la Provincia di Frisia – Paesi Bassi, la Provincia di HajdúBihar – Ungheria, Avila – Spagna, il Nature Park Our – Lussemburgo, la Samso Energy Academy – Danimarca, BSC il Business support centre di Kranj – Slovenia, il Governo dell’isola di La Palma – Spagna.
Nel corso dell’incontro è stata, inoltre, presentata una prima bozza dell’Action Plan con le linee guida per la prevenzione dell'inquinamento luminoso che rappresenteranno le azioni tese a migliorarne il controllo nonché l’individuazione di percorsi e programmi a sostegno dell'attrattiva delle aree naturali del territorio regionale.
Diverse le raccomandazioni contenute nel documento proposto, tra cui lo sviluppo di un piano di illuminazione regionale, il monitoraggio regolare del cielo notturno e la promozione di buone pratiche di sostenibilità tra le imprese. L’intento è anche quello di avviare un percorso che possa consentire di rafforzare l’adozione di impianti per il risparmio energetico e l’ammodernamento delle reti di trasporto, di prevenire e ridurre l’inquinamento luminoso nelle aree agricolo-rurali e potenziare il controllo per il rispetto della normativa sulla riduzione dell’inquinamento luminoso.
Il prossimo appuntamento con i partner europei si terrà all’Isola di La Palma, Canarie, dove si farà il punto sulle iniziative, messe in campo da ciascun soggetto europeo coinvolto, al fine di individuare, successivamente, una linea d’intervento comune a tutela del cielo buio, di una migliore osservazione della volta celeste e dello sfruttamento sostenibile dei luoghi del cielo scuro.
Categorie: Notizie Basilicata

Concessioni demanio marittimo, Merra: concreto impegno Regioni

Basilicatanet - Gio, 14/11/2019 - 12:43

Le Regioni italiane stanno lavorando per garantire agli imprenditori del demanio marittimo l’estensione delle concessioni per 15 anni e per alleggerire il peso burocratico dei Comuni in tale materia.
Lo annuncia l’assessore alle infrastrutture e mobilità della Regione Basilicata, Donatella Merra, che ha partecipato ieri a Roma, presso la sede distaccata della Regione Liguria, al tavolo tecnico interregionale sul demanio marittimo.
“Nel corso dei lavori– spiega l’assessore Merra - si è giunti, dopo alcuni mesi, a un documento condiviso che contiene indirizzi interpretativi delle norme sul demanio marittimo, da proporre al Governo per l’inserimento nella legge di bilancio 2019. Il documento, che verrà approvato nella Conferenza delle Regioni del prossimo 28 novembre, mira a garantire rapida applicazione delle norme.  Nello specifico – aggiunge l’assessore - si è anche discussa la possibilità di sospendere i canoni per le regioni colpite dalle mareggiate di ottobre e novembre 2018 e, su proposta della Regione Basilicata, sono state inserite anche le ultime mareggiate che hanno colpito, nei giorni scorsi, le coste del metapontino e dell’Abruzzo. Si è infine anche individuata una soluzione per il mantenimento delle strutture amovibili, oltre il termine ultimo per lo smantellamento previsto a fine dicembre del 2020.
La partecipazione di tante Regioni e la condivisione dei problemi – commenta l’assessore Merra – è una buona base di partenza che ci mette nelle condizioni di chiedere una rapida soluzione dei problemi. Per tale motivo – conclude Merra – chiesto al Governo di indicare un interlocutore specifico per affrontare questi delicatissimi temi”.



Categorie: Notizie Basilicata

Al: sospensione idrica in alcuni comuni del Vulture Melfese

Basilicatanet - Mer, 13/11/2019 - 17:29
Acquedotto Pugliese deve eseguire indagini strutturali che interesseranno la galleria Toppo Pescione del Canale Principale – Acquedotto del Sele da cui dipende l’erogazione idrica di alcuni comuni del Vulture-Melfese. Pertanto nei Comuni di Melfi (tranne il centro storico e la zona industriale di San Nicola di Melfi), Rionero in Vulture (tranne le frazioni di Monticchio), Atella (tranne la zona industriale Valle di Vitalba), Barile, Ginestra, Ripacandida, Filiano e le zone rurali Monteserico e  Insertafumo di San Fele, l’erogazione idrica sarà sospesa secondo il programma seguente:
– 19 novembre, dalle ore 21 alle ore 7del mattino successivo;
– 20 e 21 novembre, dalle ore 14 alle ore 7 del mattino successivo.
Nei comuni di Lavello, Montemilone e Palazzo San Gervasio, invece, dal 19 al 21 novembre prossimi, l’erogazione idrica potrebbe subire cali di pressione o essere sospesa dalle ore 21 alle ore 7 del mattino successivo. Considerata la complessità dell’intervento, il programma potrebbe subire variazioni che saranno comunicate tempestivamente.
Il programma degli interventi, insieme alle problematiche che interessano il canale Principale, sono stati illustrati ai sindaci della zona nel corso di un incontro che si è svolto questa mattina a Potenza, presso Acquedotto Lucano.
La Società sarà in continuo contatto con Acquedotto Pugliese per anticipare l’eventuale ripristino dell’erogazione idropotabile in relazione all’andamento dei lavori.
Al fine di limitare i disagi agli utenti interessati dall’interruzione, Acquedotto Lucano ha disposto il servizio sostitutivo tramite sacche di acqua potabile che saranno distribuite a cura delle amministrazioni comunali.

bas 02
Categorie: Notizie Basilicata

Bardi: “La trattativa con Eni prosegue”

Basilicatanet - Mer, 13/11/2019 - 17:23
Tra Regione Basilicata ed Eni si registra un nuovo clima di condivisione di tutti gli aspetti tecnici, politici e giuridici che dovranno essere compiutamente affrontati per garantire un efficace prosieguo delle trattative per il rinnovo degli accordi del 1998. Gli aspetti giuridici controversi saranno affrontati in appositi tavoli tecnici che prenderanno il via dalla prossima settimana. È quanto emerso oggi, a Potenza, al termine di un incontro tra la Regione Basilicata e la compagnia petrolifera. “Ho notato da parte di Eni - ha detto il presidente della Regione, Vito Bardi, accompagnato dall’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Rosa - la volontà di proseguire il confronto. Dopo le interlocuzioni romane delle settimane scorse a tutti i livelli abbiamo calendarizzato una serie di incontri nei quali affronteremo ogni argomento sempre dal punto di vista dell’interesse dei lucani, che è prioritario. L’obiettivo è ottenere giuste e adeguate compensazioni, ma anche tutelare l’ambiente e la salute dei cittadini. Con la società Eni, così come con Total -ha proseguito il presidente - vogliamo favorire una occupazione stabile. Nel corso della riunione abbiamo con favore registrato la disponibilità di Eni ad erogare, fuori dalle trattive, un sostegno economico per far fronte ai danni causati dalle avversità atmosferiche che hanno interessato negli ultimi giorni le popolazioni del metapontino e del materano”.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Trattamento acque reflue, Rosa: tavolo tecnico per accelerare Aua

Basilicatanet - Mer, 13/11/2019 - 15:29
L’assessore all’Ambiente Gianni Rosa istituisce un tavolo tecnico con Uffici regionali, Acquedotto Lucano, Egrib e Provincie di Potenza e Matera per l’accelerazione dei procedimenti di Aua (Autorizzazione unica ambientale), riguardanti gli scarichi dei depuratori.
“Con le Linee Guida per l’approvazione dei progetti degli impianti di trattamento delle acque reflue urbane, per l’autorizzazione provvisoria, disciplina e regimi autorizzativi degli scarichi di acque reflue domestiche e urbane – dichiara Rosa - si potrà accelerare il rilascio delle autorizzazioni uniche ambientali riguardanti molti depuratori oggetto di infrazioni comunitarie. E, oggi ho incontrato, insieme al direttore generale Busciolano ed agli Uffici regionali, l’Acquedotto Lucano, l’Egrib e i tecnici delle due Province lucane per istituire un tavolo tecnico che seguirà, da vicino e con costanza, le pratiche bloccate”.
“Già un paio di mesi fa, - sottolinea l’assessore - avevo rilevato l’enorme ritardo di tali procedimenti che riguardano interventi per superare le carenze strutturali di impianti di depurazione attualmente in procedura di infrazione comunitaria o interventi per scongiurare future possibili procedure. Con l’approvazione delle Linee Guida, abbiamo rimosso ‘l’ostacolo’ amministrativo. Ho la profonda convinzione che la collaborazione ai vari livelli è indispensabile per il buon andamento della Amministrazione pubblica. Proprio per consentire una celere risoluzione questa mattina ho incontrato tutti gli attori istituzionali, che, da oggi, seguiranno da vicino la situazione. Il cambiamento del Governo Bardi è anche nella efficienza della macchina amministrativa che – conclude Gianni Rosa - non può permettersi di impiegare anni per l’approvazione di pratiche importanti quali sono le Aua”.

Categorie: Notizie Basilicata

Matera 2019, dialogo su La poetica dei numeri primi

Basilicatanet - Mer, 13/11/2019 - 13:20
Il 16 novembre alle 18.30 nella Chiesa rupestre di Santa Maria de Armenis a Matera (ingresso con Passaporto per Matera 2019, senza prenotazione) tornano in città due dei protagonisti della grande mostra “La poetica dei numeri primi” coprodotta da Fondazione Matera Basilicata 2019 e Polo Museale della Basilicata con la direzione scientifica di Piergiorgio Odifreddi. Federico Giudiceandrea, curatore della sezione "Riempire il vuoto. Le simmetrie da M.C. Escher ai contemporanei" allestita presso il Museo Archeologico di Metaponto, e Tobia Ravà con i suoi "Elementi di calcolo trascendentale" esposti a Palazzo Acito a Matera, si incontreranno per un dialogo dal titolo “La congettura di Ravà”.
Le opere di questo artista sono innervate di cultura esoterica ebraica, la cabala, e in particolare di un metodo di analisi delle scritture chiamato ghematria. Questo metodo sfrutta la proprietà della notazione numerica ebraica che rappresenta i numeri non usando simboli speciali, ma alla pari dei Greci, usa le lettere dell'alfabeto in una notazione additiva. Ogni parola scritta, quindi, oltre a rappresentare un concetto rappresenta anche un numero. Questo permette lo studio delle parole e dei testi anche dal punto di vista numerologico. Ogni numero associato ad una parola può inoltre essere ridotto ad un unico numero minore di 10 sommandone le cifre ed ottenendo così un numero derivato. Se questo risulta maggiore o uguale di 10 questo processo viene ripetuto fino ottenere un numero ad una solo cifra. Ravà chiama questo numero “numero teosofico” della parola o del numero di partenza. In matematica questo processo è definito come la radice digitale di un numero e trova applicazione nei criteri di divisibilità e nella “prova del nove” usata per il controllo della correttezza delle operazioni aritmetiche. I cabalisti, invece, usavano questi numeri per interpretare le scritture sacre. Secondo loro, la struttura numerica della lingua ebraica e delle sacre scritture ne rivela la provenienza divina. Infatti, alcune coincidenze svelano un ordine nascosto nella lingua ebraica. Ravà ha inoltre uno spiccato interesse per le sequenze numeriche, specialmente per la sequenza di Fibonacci. Aveva scoperto che se calcolava i numeri teosofici della sequenza, questi si ripetevano ogni 24 numeri della sequenza. Aveva inoltre testardamente verificato la veridicità di questa regolarità della sequenza fino ad indici elevati e supponeva che questa regolarità si potesse protrarre all’infinito. La verifica numerica, anche se protratta per indici molto elevati della sequenza, chiaramente non dimostrava nulla, ma si poteva solo congetturarne la veridicità.
Federico Giudiceandrea, imprenditore e ingegnere di formazione, ma anche collezionista di opere d'arte con contenuto matematico nonché curatore di mostre su Escher in tutto il mondo e autore di diversi saggi su Escher e in generale su arte e matematica, spiegherà al pubblico "la congettura di Ravà" da lui dimostrata. L’incontro sarà moderato dalla prof.ssa Maria Luisa Trevisan, storica dell'arte e critico d'arte contemporanea.


Categorie: Notizie Basilicata

Stazione Fal Matera, Bardi: lottiamo per uscire dall’isolamento

Basilicatanet - Mer, 13/11/2019 - 12:37
“Una stazione non è solo un luogo di partenze e di arrivi. È un simbolo, e lo è in particolare per noi in Basilicata, una regione che, fra luci e ombre, lotta da tempo con tutte le sue forze per uscire dall’isolamento infrastrutturale e sostenere così, anche attraverso una mobilità moderna e sostenibile, quel processo di sviluppo basato sul valore della cultura che questa città ha saputo fare proprio in questo importantissimo anno che volge al termine”. Lo ha detto il presidente della Regione Basilicata Vito Bardi, che oggi a Matera ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione della nuova stazione delle Ferrovie Appulo Lucane.

“Oggi – ha aggiunto Bardi - viene inaugurata un’opera di grande valore, che l’architetto Stefano Boeri ha voluto iscrivere nel lungo percorso urbanistico volto a riconnettere le varie parti di questa città densa di storia. Un’opera realizzata in tempi rapidi – e questo va sottolineato perché purtroppo non sempre accade – e dotata delle più avanzate tecnologie, che contribuirà certamente a rendere più accogliente e funzionale l’ingresso in città per i tanti visitatori che arrivano a Matera. Ma che speriamo possa aiutare a migliorare anche gli spostamenti di tanti materani che per ragioni di studio e di lavoro si recano a Bari. Ci auguriamo inoltre che la capitale europea della cultura per il 2019 possa vedere al più presto completato il progetto che riguarda la sistemazione dell’intera area circostante”.

A parere di Bardi “Il trasporto ferroviario ricopre una importanza decisiva nel disegno in questo disegno di sviluppo delle infrastrutture: e se da un lato seguiamo con attenzione il progetto volto a migliorare il servizio delle Fal fra Matera e Bari, riducendo i tempi di percorrenza e facendo entrare a pieno titolo nel trasporto urbano le navette su ferro, dall’altro siamo impegnati a perseguire l’altro imprescindibile obiettivo di completare finalmente il collegamento fra Matera e Ferrandina, sulla direttrice della rete nazionale ferroviaria. Confermiamo, inoltre, l’impegno della Regione per mantenere il servizio su gomma che negli ultimi mesi ha visto collegamenti utili e frequenti fra Matera e l’aeroporto di Bari”.

“Solo attraverso adeguati investimenti sulle infrastrutture e sul sistema della mobilità – ha aggiunto ancora Bardi - sarà possibile rendere più attrattivo il nostro territorio e ridare alla Basilicata la centralità che merita nel Mezzogiorno e nel rapporto con il resto del Paese e con l’Europa. A Matera oggi facciamo un altro passo avanti in questa direzione. Sappiamo che la strada è difficile e piena di ostacoli, ma come Regione Basilicata siamo fortemente impegnati ad affrontare e risolvere i problemi legati alla piena funzionalità delle infrastrutture e dei trasporti”.

Rivolgendosi infine al sottosegretario Margiotta, presente alla cerimonia, Bardi ha chiesto “che il governo sia vicino alla nostra terra. Il fatto di avere un sottosegretario lucano alle Infrastrutture ci inorgoglisce ma allo stesso tempo fa si che si responsabilizzi maggiormente il Governo. Ho avuto modo di parlare con il ministro De Micheli, che verrà qui prossimamente in visita, e sono convinto che il Governo ci sosterrà in questa azione. Il cammino non è semplice ma una regione senza infrastrutture è una regione isolata ed abbiamo bisogno del sostegno straordinario da parte del Governo nazionale”. 
Categorie: Notizie Basilicata

Pagine

Please configure this section in the admin page