Notizie Basilicata

Fiom, Fim e Uilm su vertenza lavoratori Ferrosud

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 16:54
“In data odierna si è tenuta davanti i cancelli dello stabilimento Ferrosud l’assemblea di tutti i lavoratori, assemblea convocata per discutere della gravosa situazione aziendale che necessita di risposte industriali urgenti anche alla luce della torbidità di tutta la suddetta vertenza”. Lo scrivono i rappresentanti di Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil in una nota congiunta. “È necessaria una convocazione urgente da parte del Mise perché riteniamo che solo in quella sede sia possibile trovare le risposte necessarie per il mantenimento dei livelli occupazionali e per un rilancio vero di questa storica azienda materana. La politica regionale e quella nazionale devono assumersi ognuno le proprie responsabilità perché la Vertenza Ferrosud nasce in un settore - quello ferroviario – dove sono previsti ingenti investimenti, 94 miliardi di euro, nel piano nazionale 2017/2026. Basta con il rimbalzo delle responsabilità. Basta finti e/o presunti imprenditori. È semplicemente l’ora della verità… il tempo è finito!!! Matera vivrà un anno significativo, l’anno della capitale europea della cultura, ma purtroppo alcuni suoi concittadini non potranno festeggiare questo importantissimo evento perché la mancanza di certezze, la mancanza di un lavoro certo, la mancanza della serenità famigliare, sono elementi fondamentali per ciascun lavoratore, per ciascun uomo. Per questo motivo sabato 19 gennaio in occasione dell’inaugurazione di questo evento, i lavoratori manifesteranno sotto la Prefettura affinché la politica - oltre alle passerelle - possa essere portatore di risposte che debbano necessariamente rilanciare la Ferrosud; chiediamo al contempo che Sua Eccellenza il Prefetto di Matera possa intervenire nei confronti del governo nazionale affinché la convocazione ministeriale, indispensabile per una risoluzione positiva di questa vertenza, possa arrivare. Noi non ci arrendiamo e non ci arrenderemo. I lavoratori della Ferrosud non si arrenderanno fin quando non verrà trovata una soluzione concreta che possa salvare il lavoro e i lavoratori”. 
  
Categorie: Notizie Basilicata

Fca, Spera (Ugl) su ecotassa

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 16:50
“Il piano industriale FCA non va messo in discussione: bisogna rivedere la norma per l’ecotassa, come chiesto chiaramente dall’A.D. Mike Manley, perché a rimetterci sarebbero tanti con forti penalizzazioni sull’occupazione”. Con queste argomentazioni il segretario generale Ugl Metalmeccanici, Antonio Spera, chiede al Governo, in una nota, di rivedere “la propria strategia in merito e di confrontarsi con il sindacato, mettendo mano al provvedimento con possibili altri interventi nell’ambito economico da NON escludere a priori. Le dichiarazioni di Fca - sottolinea il sindacalista - non ci fanno assolutamente stare tranquilli perché, come già affermato da Fca, il gruppo con l’ecotassa sarebbe costretto a rivedere i piani per l’Italia con l’investimento di 5 miliardi su stabilimenti e nuovi prodotti. Non vorremmo assistere a eventuali limature alla produzione e ripensamenti sui modelli da realizzare nelle nostre fabbriche. Il settore automobilistico rappresenta un pilastro per l'economia italiana, in termini di gettito fiscale, occupazione, imprese, investimenti e fatturato. Va ricordato, infatti, che a fine novembre Manley annunciò il suo Piano Italia, un piano di notevoli investimenti che il gruppo era pronto ad attuare per gli stabilimenti italiani nel triennio 2019-2021. Tutti - conclude Spera - abbiamo commentato positivamente quei buoni propositi e auspicato l’avvio nel giro di pochi mesi della produzione di diversi modelli in tutti i siti automobilistici italiani. I fatti siano conseguenti alle parole”.
  
Categorie: Notizie Basilicata

Cefola (Uilt) su incontro con assessore trasporti di Matera

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 16:43
“Ieri l’ultima riunione con l’assessore ai trasporti del Comune di Matera in cui abbiamo evidenziato ancora disfunzioni che gravano pesantemente sull’organizzazione del servizio. Riteniamo con enfasi che la ricettività di Matera deve avere la massima priorità per ospitare degnamente i turisti e tutti i soggetti interessati all’evento ormai alle porte di Matera 2019”. Lo afferma in un comunicato il segretario regionale della Uil Trasporti, Antonio Cefola, che aggiunge: “C’è da sottolineare purtroppo che raggiungere la città è ancora una nota dolente a causa dell’attuale insufficiente e inadeguato sistema infrastrutturale sia su strada che su ferro. Si continua a parlare solo di collegare Matera con Bari a livello stradale con Freccialink e ferrovie FAL per cui sorge spontanea una domanda: Matera è ancora una provincia Lucana?Eppure c’è un ottimo collegamento ferroviario di qualità che con l’istituzione di Freccialink FS da Ferrandina a Matera in coincidenza con i Frecciarossa e la riapertura della linea FAL Potenza – Matera, interrotto da troppo tempo per lavori nella tratta Avigliano-Genzano, potrebbero facilitare il turismo per Matera e collegarla con il resto della regione di appartenenza. A ciò si aggiunge la mancanza di “Terminal Bus” e aree di parcheggio attrezzate che potrebbero svolge una funzione primaria per snellire il traffico all’interno della città. E’ inoltre evidente e inconfutabile la difficoltà che il trasporto urbano riscontra tutti giorni. Sono molti i punti critici che mettono in seria difficoltà il servizio urbano che ogni giorno è messo alla dura prova per effettuare le normali corse programmate. Nella riunione di ieri sono stati esaminati tutti i problemi connessi ai punti sopra evidenziati e non avendo ancora la possibilità di trovare sollecite soluzioni si è addivenuti a costituire una “Cabina di regia sulla viabilità” per valutare e verificare insieme tutte le soluzioni possibili per agevolare il traffico urbano, extraurbano e turistico e rendere la città più vivibile e meno inquinata”. 
  
Categorie: Notizie Basilicata

Conservatorio Pz, domenica evento “La lunga vita dell’arte”

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 16:38
“Domenica 20 gennaio 2019 alle ore 19 nell’auditorium del Conservatorio G. da Venosa di Potenza è in programma lo spettacolo La lunga vita dell’arte nell’ambito della 32ª Stagione concertistica organizzata da Ateneo Musica Basilicata”. Lo annunciano in una nota i promotori dell’evento. “L’inedito progetto di musica e arte vede insieme il critico Vittorio Sgarbi, il giovane e talentuoso Maestro Michele Nitti e l’Orchestra della Magna Grecia in un viaggio emozionante tra le Meraviglie d’Italia, prendendo spunto dalla mostra presentata da Sgarbi nel 2015 in occasione dell’Expo di Milano, raccontata anche dalla sua opera editoriale dal titolo “L’Italia delle meraviglie”. Un percorso insolito per definire il parallelismo tra la storia dell’arte classica e quella sconosciuta ai più. Il tesoro d’Italia, dunque, tra musica e parole. Il concerto lega l’arte delle grandi opere del nostro straordinario patrimonio architettonico, artistico e culturale all’arte dei suoni”.  
  
Categorie: Notizie Basilicata

Vaccaro (Uil) su reddito minimo di inserimento

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 16:35
“L’evento WELFARE BASILICATA. UN ANNO DOPO. che la Giunta Regionale ha promosso per il 25 gennaio prossimo allo scopo di fare il punto sui temi della lotta alla povertà, delle azioni a sostegno delle disabilità e del sociale come motore di sviluppo capace di creare posti di lavoro qualificati è la scadenza ravvicinata per indicare i tempi, per noi immediati, le modalità e i contenuti del nuovo bando sul Reddito minimo di inserimento”. E’ quanto sostiene il segretario generale della Uil Basilicata Carmine Vaccaro, sollecitando l’assessore Cifarelli, di intesa con la Franconi nel doppio ruolo di presidente facente funzioni e assessore alla Salute-Welfare, a riconvocare il tavolo con le parti sociali al quale la Uil riproporrà un progetto-cardine su welfare e lavoro con un rafforzamento-qualificazione e ristrutturazione del reddito di inserimento in stretta relazione con il prossimo Reddito di Cittadinanza. Il 2018 è stato un anno di partenza per la misura che ha fatto della nostra Regione la prima in Italia ad aver formalizzato un simile percorso di contrasto alla povertà, quanto mai doveroso, attraverso iniziative di pubblica utilità che servono alla vita quotidiana delle nostre comunità. L’esperienza che abbiamo avviato – dice il segretario della Uil – va perciò alimentata ed aggiornata con una più efficace progettualità partendo dalla positività sinora espressa, soprattutto per i servizi ai Comuni, la difesa del territorio e dell’ambiente, e dalla consapevolezza che non possono essere certamente redditi di sussistenza a dare dignità sociale specie a quanti si ritrovano, con famiglia a carico, per età troppo giovani per andare in pensione e troppo “vecchi” per trovare un nuovo lavoro, come i lavoratori in deroga o in cig ordinaria. E’ necessario individuare dunque le date di apertura dei cantieri dando seguito alla bontà del progetto. Per la Uil il contrasto alla povertà e al disagio sociale resta una priorità che tocca troppe persone. Per questo non basta più il Reddito Minimo di inserimento ma occorrono altre misure più incisive in particolare per accrescere occasioni ed opportunità di lavoro buono e stabile. In attesa di verificare le condizioni del provvedimento nazionale, deve essere proprio il tavolo regionale lo strumento - afferma Vaccaro - per mettere a punto una strategia univoca nazionale-regionale di contrasto alla povertà e al disagio sociale con l’obiettivo di rendere più omogeneo il sistema superando le attuali sperequazioni territoriali. Noi continuiamo a pensare che si debba trasformare una misura passiva del lavoro in una straordinaria occasione di politica attiva del lavoro. Inoltre, i dati Istat confermano che l’Italia ha bisogno di invertire il trend, spostando gli investimenti sulla protezione sociale in un’ottica inclusiva e nello sviluppo della rete dei servizi territoriali per intercettare i nuovi bisogni, legati soprattutto all’andamento demografico, e offrire le adeguate risposte. In una situazione politica incerta è dunque necessario porre l’attenzione sul welfare e sui servizi di assistenza alle persone, cogliendo la grande opportunità di sviluppo che questi rappresentano: un grandissimo valore di crescita produttiva, occupazionale, valoriale, culturale nonché di giustizia sociale e di risparmio nel lungo termine. Per tutto questo - conclude - non possiamo perdere altro tempo e dobbiamo “sporcarci le mani” a favore degli ultimi senza lasciarsi distrarre da dinamiche elettorali”.
  
Categorie: Notizie Basilicata

A Marconia lunedì associazione Agata festeggia i due anni

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 16:07
“Il 13 gennaio 2017, per volontà di un gruppo di donne che avevano avuto esperienza con il cancro, nasceva a Marconia l’associazione “Agata – Volontari contro il cancro”. Dopo appena due anni tantissima è stata la strada percorsa, con risultati che non avremmo neppure osato sperare. Agata oggi è impegno infaticabile e tenacia. È un pulmino 9 posti (acquistato con il generoso contributo dell’intera comunità) che, grazie a volontarie e volontari straordinari, viaggia più volte a settimana, accompagnando i pazienti oncologici ad effettuare la chemioterapia, trasportando amore, solidarietà e speranza”. E’ quanto scritto in una nota dell’associazione. “Agata è una linea telefonica dedicata ai pazienti oncologici e loro familiari, che non squilla mai a vuoto. Sono le volontarie e i volontari presenti nel Day Hospital Oncologico dell’IRCCS CROB di Rionero in Vulture e presso l’Ospedale Distrettuale di Tinchi. È un Fondo per tendere una mano ai nuovi ammalati. È sostegno psicologico. È ascolto di chi ha bisogno. È formazione di volontari. È il dono di una parrucca alle donne in chemioterapia, in cambio di un loro sorriso. È confronto quotidiano con i centri oncologici e con gli specialisti. È la capacità di progettare e realizzare. È fare i conti fino a tarda notte, affinché tutti gli obiettivi possano essere realizzati. È l’impegno del gruppo operativo per garantire ad Agata il sostentamento quotidiano. È il ricordo di chi non c'è più, che ci spinge ad andare avanti senza lasciarci fermare da niente e nessuno. AGATA oggi è una straordinaria realtà composta da donne e uomini con un cuore grande, persone determinate, tenaci e contraddistinte da occhi luminosi che non si fanno oscurare dalla paura. Per raccontare alla comunità il lavoro svolto e i traguardi raggiunti, ma anche per illustrare i prossimi obiettivi, AGATA celebrerà il suo secondo compleanno con un incontro pubblico che si terrà a Marconia lunedì 21 gennaio p.v. alle ore 16:30, presso il Salone Verde della Parrocchia San Giovanni Bosco, alla presenza del nostro amatissimo Arcivescovo della Diocesi di Matera-Irsina, S.E. Mons. Antonio Giuseppe Caiazzo. Saranno presenti i volontari, i soci, gli ammalati facenti parti della grande famiglia Agata, le associazioni amiche, i pochi ma importanti imprenditori vicini all’associazione e le tante meravigliose persone comuni senza il cui cuore immenso niente sarebbe stato possibile e a cui va la gratitudine di noi tutti. Un grazie speciale per questo secondo anno caratterizzato da sogni realizzati va a tutte le volontarie e i volontari, alla generosità di Susan Komen Italia Onlus e della Chiesa Valdese, al Comitato Festa Madonna delle Grazie di Marconia, alla Coldiretti Basilicata, al CSV Basilicata, ai bellissimi alunni della IV C Scuola Primaria don Lorenzo Milani di Policoro e ai giovani campioni della Polisportiva don Bosco di Marconia, agli imprenditori Carmine Laguardia, Michele Di Lecce e Marco Saraceno, all’avvocato Giuseppe Miolla, al personale dei Day Hospital Oncologici con cui ci interfacciamo ogni giorno, al Comitato Festa Madonna del Carmine di Tinchi, alle psicologhe Grazia Benedetto e Mariangela Guerra, alla dottoressa Rosa Gentile, a Bruno Agneta, ai giornalisti Antonio Rondinone e Maristella Montano, agli amici de Lo Stampino, agli esercenti di Marconia, ai sacerdoti della nostra comunità, al nostro amato Arcivescovo e a tutti coloro che ci sono stati vicini. Un pensiero colmo di amore va al sorriso indimenticabile della nostra Lucia Viggiano e di tutti coloro che abbiamo amato e che ci sono stati strappati via dal cancro, nella cui memoria continueremo a batterci per i diritti di ogni malato oncologico di questa bellissima ma sfortunata terra”. 
  
Categorie: Notizie Basilicata

Cisl-Fp rivendica tavolo permanente contrattazione in Regione

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 15:59
“Nel richiamare il rispetto degli impegni assunti dall'Amministrazione, La CISL Funzione Pubblica rivendica ancora una volta il pagamento entro il mese di gennaio corrente della produttività e della retribuzione di risultato dell'anno 2017, essendosi già consumato un ritardo di oltre un anno”. E’ quanto scritto in una nota dell’ufficio stampa della Cisl-Fp Basilicata. “Per il futuro continueremo a denunciare, con forza, i ritardi nei pagamenti che dovranno avvenire, al massimo, entro il mese di aprile successivo all'anno di competenza. Quindi, dev'essere subito chiaro che la produttività 2018 dovrà essere pagata non oltre Aprile 2019, diversamente, lo preannunciamo sin da ora, attiveremo le azioni legali per far emergere le diffuse responsabilità, compreso quelle legate all'Organismo Indipendente per la Valutazione (OIV). Gli stessi buoni pasto vanno erogati entro il mese successivo, anziché dopo un anno come sta avvenendo in maniera inaccettabile! Lo dichiarano a muso duro" in una nota congiunta, la Segreteria Regionale CISL FP di Basilicata e la RSU CISL della Regione. La CISL FP, continuano i propri rappresentanti, rivendica, inoltre, un TAVOLO PERMANENTE per la contrattazione decentrata in Regione poiché rimangono ancora da disciplinare numerosi istituti contrattuali previsti nel contratto nazionale di lavoro del 21 maggio 2018, sia dal punto di vista normativo che economico, dovendosi ancora contrattare tutte le materie di cui all'art.7, comma 4 del citato CCNL. Tra queste, in particolare, vanno definite prioritariamente: la disciplina delle indennità collegate alle condizioni di lavoro; i criteri per l'attribuzione dei premi collegati alla performance; i criteri generali per l'attribuzione delle posizioni organizzative; i criteri generali per l'attivazione di piani di welfare integrativo; poiché c'è tanto da fare (contratto decentrato, stabilizzazione precari e attuazione della programmazione del fabbisogno, già deliberato, con la previsione delle progressioni verticali), concludono, la CISL FP non consentirà a nessuno di ritardare e distrarsi, come successo sinora”. 

  
Categorie: Notizie Basilicata

Fp-Cgil: “Bene azzeramento lavoro interinale in Arpab”

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 15:54
“La Fp-Cgil Potenza valuta positivamente e condivide l’accordo sottoscritto l’11 gennaio da Cgil, Cisl e Uil Basilicata, nonché da Fp-Cgil e Fp-Cisl di Basilicata nel quale è stato sancito il fondamentale e inderogabile principio del superamento del lavoro in somministrazione fino ad oggi massivamente utilizzato in Arpab nello svolgimento delle delicate funzioni e attività connesse al Masterplan”. Lo sostengono in una nota il segretario generale della Fp-Cgil, Giuliana Scarano e la componente della Rsu Cgil dell’Arpab, Lucia Summa. “Da subito - aggiungono - la FP CGIL aveva evidenziato la non compatibilità di tali funzioni con il lavoro svolto in somministrazione, sottolineando che seppur in presenza di una limitata capacità assunzionale, il rimedio sostitutivo non poteva certo essere il ricorso al lavoro interinale che, oltre ad essere una procedura di reclutamento al di fuori dei principi di trasparenza e selettività che regolano le procedure concorsuali, pone in una condizione di precarietà e debolezza i lavoratori. Non a caso il testo unico sul pubblico impiego ne ammette l’utilizzo esclusivamente per rispondere ad esigenze di carattere temporaneo o eccezionale. Nella convinzione che il ricorso a forme di lavoro interinale non può essere una soluzione a carenze strutturali dell’ente abbiamo da sempre chiesto e sollecitato di dare corso a procedure concorsuali. L’accordo sottoscritto in Regione, sul quale hanno espresso condivisione nella odierna delegazione trattante la FP CGIL e la RSU CGIL, va esattamente in questa direzione in quanto consente la sostituzione del lavoro interinale con la più appropriata formula del contratto a tempo determinato, previo espletamento delle relative procedure concorsuali ai sensi del DPR 220/2001. Selezioni dunque aperte, trasparenti e conformi ai principi sanciti dalla normativa sul reclutamento di personale nella pubblica amministrazione a garanzia dell’autonomia e della terzietà degli stessi lavoratori nello svolgimento delle loro attività. È indubbio, infatti, che, a differenza del contratto in somministrazione, il contratto a tempo determinato alle dirette dipendenze dell’ente pubblico è la sola forma contrattuale che consente il pieno, autonomo e legittimo svolgimento delle funzioni che tale personale è chiamato a svolgere, in primis controlli, ispezioni e monitoraggi ambientali nonché attività laboratoristiche e di accreditamento dei laboratori, attività che dovranno trovare priorità tra quelle declinate nel Masterplan. La scelta di aderire alla possibilità di derogare al tetto del 20%, scelta espressamente prevista dal CCNL del comparto sanità 2016-2018, è pertanto subordinata all’effettivo azzeramento del lavoro interinale attraverso la sua sostituzione con i contratti a tempo determinato ed ha carattere temporaneo, in quanto legata all’espletamento delle procedure concorsuali e selettive per l’attivazione dei suddetti contratti nel periodo massimo di 60 giorni. L’accordo sottoscritto l’11 gennaio segna un importante passo in avanti nella qualità del lavoro flessibile all’interno dell’ARPAB, sancendo il superamento del lavoro interinale e delle forme e modalità di assunzione discrezionali nella p.a. e riportando nell’alveo della trasparenza le relative procedure a garanzia di autonomia e terzietà nello svolgimento delle funzioni che l’ente è deputato a svolgere”. 




  
Categorie: Notizie Basilicata

Associazione “Boom” di Potenza su inaugurazione Matera 2019

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 15:47
“Sabato 19 gennaio è una data importante per Matera e la Basilicata tutta. Si apre ufficialmente, nella città dei sassi, l’anno che la vedrà protagonista come Capitale Europea della Cultura 2019. Un momento unico, una manifestazione che accende i riflettori di tutta l’Europa su Matera”. Lo sostiene in una nota l’associazione culturale “Boom” di Potenza. “La cerimonia d’apertura darà inizio a 48 settimane di eventi e prevede l’esibizione di bande dei comuni lucani che incarnano la tradizione musicale del territorio e le bande marcianti delle Capitali Europee della Cultura passate, presenti e future che sfileranno tra i quartieri della città. Inizio alle ore 10:00 con l’inaugurazione della Cava del Sole che sarà accompagnata dalle sinfonie e dagli inni di tutta Europa. L’“Open Sounds” sarà dedicato all’esibizione della prime 14 bande, 7 lucane e 7 europee. Dalle 13:00 i musicisti animeranno Matera e l’intera cittadinanza accoglierà le bande aprendo le porte di abitazioni, scuole, parrocchie, sedi di associazioni. In rappresentanza del Comune di Potenza, i tamburi dell’associazione culturale e polo musicale BOOM. E’ il gruppo preparato e capitanato dal direttore e Maestro di batteria Pierluigi Delle Noci, che da diversi anni forma tra gli allievi i tamburini che prendono parte alla Storica Parata dei Turchi nel quadro del 1100, in occasione delle celebrazioni del Santo Patrono della città. Dieci tra rullanti e timpani che eseguono brani originali dell’epoca, composti e arrangiati direttamente da Delle Noci nello stile dei tamburi medievali. Orgoglio e soddisfazione per il direttore di BOOM che con i suoi studenti può solitamente prendere parte alla manifestazione principale del capoluogo e ora alla cerimonia inaugurale del ciclo più importante per Matera e l’intera regione”. 
  
Categorie: Notizie Basilicata

Eolico, Mattia (M5S): ministro Costa incontrerà associazione Ehpa

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 11:54
"Ho letto sulla stampa lucana la lettera aperta dell’Associazione Ehpa di Potenza "a difesa del territorio della Basilicata e del Sud" indirizzata al ministro dell'Ambiente Sergio Costa.  Le questioni poste sono molto importanti e meritano grande attenzione.
Ieri a Roma ne ho parlato con il ministro che si è immediatamente reso disponibile ad incontrare gli esponenti dell’Associazione ambientalista lucana non appena verrà in Basilicata e comunque in tempi molto brevi". Lo dichiara Antonio Mattia, (M5S) candidato alla Presidenza della Regione Basilicata.  
"L’eolico selvaggio - prosegue -  sta devastando il territorio grazie alle maniche larghe dei passati governi regionali. Il M5S è da sempre sostenitore e promotore di una strategia energetica che abbandoni definitivamente il fossile e si diriga verso le energie rinnovabili e pulite. Anche il rinnovabile tuttavia non può svilupparsi a discapito dell’ambiente e della tutela dei territori. Occorre sempre rispettare le leggi, l’ambiente, le vocazioni del territorio. E se le leggi sono ambigue o favorevoli a forme di devastazione, allora vanno cambiate.
Il M5S - conclude Mattia -  ha inserito nel proprio programma per le elezioni regionali prossime lo stop all’eolico selvaggio, nonché il ripristino immediato della legalità e dei diritti dei cittadini e dei territori nelle situazioni già denunciate sia dalla stampa sia dai comitati locali".

Bas 05

 
Categorie: Notizie Basilicata

Segreteria Cgil su reddito minimo inserimento e mobilità in deroga

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 11:44
"Occorre dare seguito immediato agli impegni assunti qualche mese addietro e far uscire il nuovo bando sul Reddito minimo di inserimento, che consentirà l’accesso alla misura a tutti i lavoratori non ancora inclusi. Centinaia sono, infatti, le richieste che ci giungono quotidianamente sull’avvio della misura, che in realtà già a novembre avrebbe dovuto vedere la luce. Non sono ulteriormente giustificabili ritardi e indecisioni". Lo dichiara la segreteria della Cgil Basilicata in una nota.
"L’aver realizzato, dopo oltre tre anni di confronto costante, la prima fase del Reddito minimo di inserimento, così come definito nell’accordo del dicembre 2014 tra CGIL CISL UIL e Regione Basilicata, è stato sicuramente un risultato importante e che non può che renderci soddisfatti. Grazie a ciò, centinaia di lavoratori lucani, espulsi dal ciclo produttivo, hanno avuto l’opportunità di entrare a far parte della platea idraulico-forestale, con il relativo riconoscimento dei diritti e delle tutele, incluso il versamento contributivo che consentirà loro di maturare i requisiti per il pensionamento.
La CGIL di Basilicata ha fortemente voluto la misura di Reddito minimo, definendola, progettandola e individuando anche la relativa copertura finanziaria, e avviando quel proficuo confronto tra le parti sociali e l’istituzione che ha poi consentito di raggiungere l’obiettivo.
Con orgoglio, oggi possiamo dire, nonostante i molti detrattori e le numerose cassandre, di aver realizzato una misura non solo di supporto ma anche di redistribuzione e di inclusione sociale.
È però ora fondamentale andare avanti e farlo presto. Altresì è fondamentale capire il prosieguo del percorso di coloro che permangono nella platea dei cosiddetti “senza reddito”, altra consistente area di disagio, alla quale occorre garantire la continuità del sostegno, anche in coordinamento, come già fatto, con misure nazionali attualmente in vigore o eventualmente future.
Resta, inoltre, sospesa la questione relativa al recupero delle risorse andate perdute per i lavoratori ex mobilità in deroga che, a partire dal 2015, avanzano ancora mensilità residue e che – ad oggi – continuano a vedersi in attesa di qualcosa che non si concretizza. E’ passato quasi un anno dall’accordo siglato tra organizzazioni sindacali e Regione per le misure di politiche attive che avrebbero consentito a quei lavoratori che, ingiustamente, non si sono visti riconoscere l’erogazione delle mensilità di mobilità in deroga. Ad oggi, nonostante i diversi tavoli e i correttivi apportati rispetto alle osservazioni avanzate da Inps e ministero del Lavoro, nulla è dato sapere rispetto all’attuazione della misura e alla relativa uscita del bando.
Si tratta di una situazione intollerabile sulla quale - conclude la segreteria della Cgil Basilicata -  non esiteremo a mobilitarci, qualora non ci arrivassero in tempi concreti, notizie chiare e definitive. Invitiamo, dunque, la Regione a dare immediatamente seguito agli impegni assunti".

Bas 05


 
Categorie: Notizie Basilicata

Il 18 e il 20/1 assemblee provinciali Art. Uno-Mdp su elezioni

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 11:27
"Per esaminare, in maniera partecipata e condivisa, la situazione politica lucana, con particolare riferimento alle imminenti elezioni regionali, nel prossimo fine settimana - si legge in una nota -  si riuniranno le assemblee provinciali di Articolo Uno- MDP- di Potenza e Matera, alla presenza di dirigenti politici, amministratori locali, militanti e simpatizzanti del soggetto politico di cui è coordinatore nazionale il deputato Roberto Speranza.
Le assemblee, convocate dai rispettivi coordinatori provinciali- Carlo Rutigliano per Potenza e Giuseppe Di Sanzo per Matera- si svolgeranno Venerdì 18 gennaio alle ore 17,00, presso la Sala A del Consiglio Regionale di Basilicata in viale Verrastro a Potenza, e domenica 20 gennaio alle ore 10,30 presso la sede di Articolo Uno in via Ugo La Malfa n. 11 a Matera".

Bas 05
 
Categorie: Notizie Basilicata

Matera 2019, Castelgrande: la Basilicata punta su infrastrutture

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 10:52
Realizzazione di un polo multimodale in piazza della Visitazione, miglioramento della percorribilità pedonale, interventi di riqualificazione del centro abitato, ma anche investimenti su mobilità comunale ed extra-comunale e sulle infrastrutture ferroviarie. L’impegno della Regione Basilicata nell’affrontare la sfida di Matera Capitale europea della Cultura per l’anno 2019 ha consentito di ottenere notevoli risultati e miglioramenti nell’ambito del sistema dei servizi a disposizione di cittadini e turisti, rendendo la Città dei Sassi accogliente ed inclusiva. Lo snodo multimodale di piazza della Visitazione, ad esempio, costituisce il principale punto di accesso a Matera ma anche al centro storico ed ai Sassi. Matera è stata ed è tutt’ora interessata da una serie di investimenti sulla mobilità, sia su scala urbana che extra-comunale, fortemente integrati tra di loro dal punto di vista funzionale, finalizzati a ridurre l’uso dell’auto privata e a soddisfare i mutevoli fabbisogni di mobilità in un’ottica di sostenibilità sociale ed ambientale. Gli investimenti privilegiano interventi puntuali, talvolta anche poco onerosi, in grado comunque di garantire una gestione della mobilità fondata sull’interscambio sistematico tra diverse modalità di trasporto o singoli vettori per un costo complessivo pari a circa 44 milioni di euro. “Rispetto alla mobilità extra-comunale - sottolinea l’assessore regionale alle Infrastrutture, Carmine Miranda Castelgrande - gli interventi riguardano invece la rete di Ferrovie Appulo Lucane per le relazioni con il versante pugliese, il rinnovo del binario della tratta Venusio-Matera Sud ovvero la parte metropolitana della linea Matera-Bari, ma anche, ad esempio, l’incremento della capacità dei treni attraverso l’acquisto di due nuove automotrici ferroviarie a tre casse, bidirezionali a trazione diesel-elettrica con piano di accesso ribassato. C’è poi la rete ferroviaria di Rfi - aggiunge il rappresentante dell’esecutivo lucano - i cui investimenti prevedono sulla rete con direttrici Milano-Taranto la realizzazione dell’Area di interscambio modale Stazione di Ferrandina-Scalo Matera e l’arrivo del Frecciarossa nelle stazioni di Ferrandina e Metaponto. Nell’ambito dell’attività messa in campo per agevolare l’accessibilità a Matera - ricorda Castelgrande - la Regione Basilicata ha stipulato un Accordo con Trenitalia per elevare la qualità dei servizi offerti e per potenziare i collegamenti ferroviari verso l’Alta Velocità ed i principali nodi trasportistici della rete nazionale proprio in vista di Matera 2019. Attraverso lo stanziamento di complessivi 10 milioni di euro circa tra il 2017 ed il 2019, nel dicembre del 2016 è entrato in servizio sulla tratta Salerno-Potenza-Taranto il Frecciarossa 1000 Mennea quale prolungamento sperimentale della corsa ad alta velocità Milano-Salerno, fino a Taranto, con fermate intermedie in Basilicata a Potenza, Ferrandina e Metaponto, queste due ultime legate alla città di Matera”.

bas 02

Categorie: Notizie Basilicata

Matera 2019, il sostegno della Regione allo sviluppo rurale

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 10:47
Agricoltura sostenibile, biologico, integrato e sodo, infrastrutture rurali, servizi per i comuni e nelle aree interne. E ancora: giovani, aggregazione di produttori, promozione e valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche sul territorio e in contesti nazionali e internazionali.
Queste le principali direttrici su cui la Regione Basilicata nell’ambito della programmazione comunitaria per lo sviluppo rurale (Feasr), ha investito, per le rispettive misure, oltre 162 milioni di euro in azioni che con ricadute importanti per quanto riguarda il territorio di Matera e di tutta la provincia pari, ad oggi a circa 29 milioni di euro.
Rilanciare Matera non solo dal punto di vista delle infrastrutture e delle attività economiche e culturali. Ma anche sotto l’aspetto delle opportunità di crescita che sono insite nello sviluppo rurale di un territorio. Nell’anno in cui la Città dei Sassi rappresenterà l’intera nazionale a livello europeo e nel mondo, l’agricoltura e l’agroalimentare, insieme al turismo e alla sostenibilità, si apprestano a divenire il pilastro di un salto di qualità della regione e lo strumento per un ricambio generazionale che favorirà nuove occasioni di miglioramento economico e sociale, puntando anche su iniziative di natura culturale.
“Non è possibile determinare in modo esatto il valore di tali ricadute nel materano dal momento che processi i processi di cambiamento e sviluppo in atto nel comparto agricolo impattano a vario livello su tutti e 31 comuni, contribuendo al miglioramento delle condizioni generali (si pensi all’ortofrutta del metapontino, alla cerealicoltura, all’olio extravergine di oliva ed al comparto vitivinicolo) di tutta l’area che trova in Matera 2019 la possibilità della più grande vetrina per l’agroalimentare e la conseguente opportunità da essa generata da qui e per il futuro.”, dice l’assessore regionale alle Politiche agricole, Luca Braia.
“Sono 158 gli under 40 che hanno avviato una nuova impresa agricola in provincia di Matera beneficiando di un aiuto automatico di circa 9,4 milioni di euro, di cui 10 imprese si insediate nel territorio comunale”.”
“Nel territorio della Provincia di Matera - sottolinea Braia - beneficiano dell’aiuto destinato alle infrastrutture necessarie all’accesso ai terreni agricoli e forestali di circa 6 milioni di euro 30 comuni della provincia di Matera su 31. Oltre 800 le aziende che, nel territorio materano, interessate da tali opere di accessibilità e collegamento, necessarie ad agricoltori e allevatori, soprattutto nelle aree interne, per lo sviluppo del comparto e il rilancio dell’economia rurale nei territori.”
“Sono 794 gli agricoltori che beneficiano di un aiuto comunitario di oltre 522mila euro per lo sviluppo dell’agricoltura integrata e 1133 le aziende agricole sostenute dalle sottomisure 11.1 e 1.2 (Agricoltura Biologica) per oltre 8,3 milioni di euro nelle annualità 2016 e 2017. 13 i Comuni dell’area materana, per complessivi 2,2 milioni di euro, ad essere finanziati per servizi nelle aree rurali a cui si aggiungono, per le infrastrutture turistiche, 7 istanze ammesse a finanziamento per complessivi 1,1 milioni di euro.”
“L'approvazione e la partenza del GAL Start2020 (Misura 19, strategie di sviluppo locale, Leader) intorno a Matera è un altro risultato delle politiche di sviluppo rurale messe in atto ad ampio respiro su tutto il territorio, coinvolgendo oltre alla componente privata, 15 comuni e un Ente Pubblico del materano da cui è già scaturito un bando con dotazione finanziaria per 1,6 milioni di euro.
Grazie a questi incentivi, nel territorio della Provincia di Matera e in sinergia con gli investimenti generali per Matera 2019, sicuramente non mancheranno le occasioni di sviluppo di tutto il territorio per Agricoltura, Ambiente e Turismo, in cui l’agroalimentare, che già mostra valori e tendenze più che positive, può essere determinante.
Complessivamente, ad oggi, nell’ambito dello sviluppo rurale, nel territorio della provincia di Matera, la Regione Basilicata ha favorito il sostegno a diversi livelli di coinvolgimento per oltre 29 milioni di euro”.

bas 02

Categorie: Notizie Basilicata

Flai Cgil: basta con il caporalato

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 10:34
"Ci lascia basiti, ma non sorpresi, la notizia di questa mattina degli arresti e delle misure cautelari per molte persone impegnate nella organizzazione e gestione di un sistema criminale che sfrutta e riduce in schiavitù persone che vedono l'Italia come un sogno di libertà ed affrancamento da condizioni di vita inaccettabili". Così in un comunicato stampa diffuso dalla Cgil:
"Poco più di un anno fa abbiamo firmato, insieme a Cisl e Uil, un accordo che, se collegato alla recente approvazione delle legge nazionale contro il caporalato, permette di ripristinare la legalità in un settore produttivo di fondamentale importanza per la Basilicata. L’accordo, che ha previsto misure importanti in termini di accoglienza, assistenza sanitaria, trasporti, politiche di integrazione attive, reclutamento delle forze lavoro, controlli e risorse finanziarie attraverso le quali, deve necessariamente essere affiancato da un cambio culturale netto, per poter mettere la parola fine a situazioni odiose e inumane.
La FLAI Nazionale e di Basilicata e la CGIL Basilicata sono impegnate da tempo - continua ancora la nota - in una lotta senza quartiere all'illegalità diffusa, che ancora permea il sistema del lavoro nell'ambito agricolo in Basilicata. Ritmi sfiancanti di 10-12 ore al giorno, spesso in nero, in condizioni atmosferiche e climatiche usuranti, senza il riposo settimanale, senza il rispetto della normativa sulle pause, per poi immettere nel mercato corrente il prodotto con un maggiore guadagno per lo stesso titolare dell’azienda.
E' questo il modello economico che osteggiamo e condanniamo.
Ogni silenzio è complicità e quindi, come abbiamo sempre fatto bisogna urlarlo in maniera convinta, come abbiamo fatto la scorsa estate a Foggia nella manifestazione nazionale indetta da FAI, FLAI, UILA Nazionale: Basta Caporalato.
Chiediamo ancora una volta la piena applicazione della legge 199 contro il caporalato, che non ha funzionato come si immaginava, perché non è stata applicata fino in fondo. In parte per responsabilità politica, in larga parte per responsabilità del sistema delle imprese che era chiamato a collaborare nel costruire risposte al bisogno di un trasporto e un collocamento pubblico per superare il ricatto di intermediari senza scrupoli.
I fatti di questa mattina dimostrano la connivenza delle imprese, che per trarre maggior profitto sfruttano forza lavoro senza l’applicazione di alcuna norma circa orari, salari, accoglienza.
Adesso attendiamo gli sviluppi delle indagini ma continuiamo ad affermare con forza: basta caporalato, in tutte le sue espressioni di inciviltà diffusa."

bas 02

Categorie: Notizie Basilicata

Regione, in aggiornamento il Piano triennale della Trasparenza

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 09:47
La Giunta regionale della Basilicata sta predisponendo l'aggiornamento del Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza previsto dalla legge 6 novembre 2012, n. 190 e dal decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33.
Per migliorare e rendere più efficace l'azione di prevenzione dei fenomeni di corruzione è importante raccogliere contributi, proposte e osservazioni da parte di cittadini, imprese, professionisti, associazioni, enti.
I contributi, le proposte e le osservazioni possono essere inviati entro il 25 gennaio 2019, utilizzando il modulo predisposto e saranno esaminati e valutati per la redazione del Piano.
Può essere presa visione dei Piani adottati annualmente dalla Giunta regionale della Basilicata sul sito internet istituzionale nella sezione “Amministrazione Trasparente ” sottosezione “Altri contenuti- Piano Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (PTCT)" .

bas 02


Categorie: Notizie Basilicata

Progetto Ccm su Diabete gestazionale, venerdì conferenza stampa

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 09:34
Si terrà venerdì 18 gennaio alle ore 10 nella sala Verrastro del Palazzo della Giunta regionale una conferenza stampa per presentare il progetto “Presa in carico integrata, peer education e activation: strategie per un’efficace promozione di comportamenti protettivi tra le donne con diabete gestazionale” presentato dalla Regione Basilicata nell’ambito del Programma Ccm. 
Il diabete gestazionale è uno dei più potenti predittori di sviluppo del diabete tipo 2, che rappresenta un fattore di mortalità cardiovascolare maggiore nelle donne rispetto all’uomo.
All’incontro con i giornalisti saranno presenti la vicepresidente della Regione, nonché assessore regionale alle Politiche della Persona, Flavia Franconi, i dirigenti generali dell’Asp, dell’Asm e dell’Aor San Carlo, con i referenti del progetto, i rappresentanti della Sid (Società italiana di diabetologia) e delle associazioni diabetici Fand e Aggd.

bas 02

Categorie: Notizie Basilicata

Airipa Basilicata su convegno contributo ricerca tema Bes e Dsa

Basilicatanet - Mer, 16/01/2019 - 09:33
Si terrà sabato 19 gennaio 2019, con inizio alle ore 9,00 nel Dipartimento di Scienze della formazione, psicologia, comunicazione, dell'Università degli Studi di Bari, Palazzo Chiaia-Napolitano, sala don Tonino Bello, la prima edizione del convegno Airipa (Associazione italiana ricerca e intervento in psicopatologia dell'apprendimento) dal titolo  “Il contributo della clinica e della ricerca in tema di BES e DSA: lavori in corso…”. Lo comunica la dottoressa Nadia Caldarola, rappresentante dell'Associazione Airipa sezione Basilicata, che parteciperà all'iniziativa.
"Il convegno, aperto a varie figure professionali (neuropsichiatri infantili, psicologi, psicopedagogisti, pediatri, logopedisti, assistenti sociali, insegnanti, educatori, studenti universitari) - spiega la nota dell'Airipa Basilicata -  presenta i contributi recenti della ricerca nei diversi ambiti della Psicopatologia dell’Apprendimento e in tema di DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento) e di BES (Bisogni Educativi Speciali). L’evento formativo vuole essere, per tutti gli operatori interessati, sia nel mondo della clinica che della scuola, un momento di aggiornamento e confronto al fine di creare e sostenere un linguaggio comune per una più efficace presa in carico globale dei bambini che presentano difficoltà disparate in ambito scolastico, al fine di il loro benessere e sostenere e favorire una più serena crescita. La ricerca e l’operatività nell’ambito dei Bisogni Educativi Speciali pongono sempre nuovi interrogativi e nuove riflessioni che è auspicabile condividere per un approccio sempre più interdisciplinare e interprofessionale perché la materia sia affrontata da tutti con comuni conoscenze e rigore metodologico".
"Introdurranno il convegno la Dott.ssa Alessandra Notarnicola e la Dott.ssa Anna Maria Antonucci della sezione regionale AIRIPA, che illustreranno le diverse iniziative promosse e realizzate sul territorio. Numerosi saranno i contributi di relatori, esperti di chiara fama sul territorio nazionale e regionale. Interverranno la Prof.ssa Paola Angelelli - Università del Salento, la Prof.ssa Gabrielle Coppola - Università di Bari, la Dott.ssa Concetta de Giambattista - RHAM Medical Group Matera, la Prof.ssa Chiara Maria Gemma - Università di Bari, il Dott. Gianluca Lo Presti - Airipa Sicilia, il Dott. Vito Lozito e la Dott.ssa Francesca Verni - UONPIA ASL Bari, la Prof.ssa Irene Mammarella - Università di Padova, il Dott. Giovanni Masciarelli - Logogen Roma, la Dott.ssa Patrizia Ventura - UOC Policlinico Bari, il Prof. Pierluigi Zoccolotti - Università "Sapienza" di Roma. Infine interverranno nella discussione, con un interessante apertura al mondo della scuola e dei servizi; Rachele Dileo, AIRIPA Puglia Basilicata, Rosy Paparella, già Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza e Valentina Sepe, CIDI Bari".

Bas 05
 
Categorie: Notizie Basilicata

Primarie centrosinistra, si è riunito a Pz il tavolo tecnico

Basilicatanet - Mar, 15/01/2019 - 19:37
“Presso la sede del Psi di Basilicata a Potenza si è svolta la prima riunione del tavolo tecnico del centrosinistra chiamato a redigere la proposta di regolamento per le Primarie”. E’ quanto scritto in un comunicato. “Tra gli aspetti discussi emerge unanime convergenza nel fissare al 26 gennaio 2019 la data ultima per la presentazione delle candidature. Il tavolo si è aggiornato a venerdì 18 gennaio per il prosieguo in merito alla definizione delle modalità organizzative.”
  
Categorie: Notizie Basilicata

Sindaco San Fele su intitolazione stadio a Faustino Vincenzo

Basilicatanet - Mar, 15/01/2019 - 18:48
“Recentemente è venuto a mancare il caro concittadino Faustino Vincenzo”, storico dirigente della locale società sportiva A.P.D. “Inter Club W.Zenga” San Fele Calcio. Lo fa sapere, attraverso una nota, il sindaco di San Fele, Donato Sperduto, che aggiunge: “L’amministrazione comunale ritiene doveroso ricordare la sua instancabile volontà di operare a favore dei giovani della nostra comunità, diventata motivo di aggregazione e di formazione di tanti giovani sportivi, impegno sempre svolto in punta di piedi e con tanta generosità ed umiltà, così come in punta di piedi ha lasciato la vita terrena. La testimonianza dell'ammirazione e della gratitudine che la nostra comunità deve verso la sua persona perché ha fatto e ha dato tanto, non può che sfociare in un riconoscimento che dovrà durare nel tempo, per cui è intenzione di porre in essere tutti gli adempimenti necessari affinché si possa intitolare al compianto Vincenzo Faustino lo stadio comunale di San Fele”. 
  
  
Categorie: Notizie Basilicata

Pagine

Please configure this section in the admin page